Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for dicembre 2018

E con questo si chiude fino all’anno prossimo.

Buone feste, vacanze, robe a tutti 🙂

Read Full Post »

In uscita il 31 gennaio.

Sembra un onesto caso di possessione con tutte le carte in regola.

 

Read Full Post »

In uscita il 17 gennaio.

Potenziale nomination per Saoirse Ronan? O per Margot Robbie? O per entrambe?

E il 17 gennaio torna anche Shyamalan con quello che ha tutta l’aria di essere un terzo capitolo dopo Unbreakable e Split.

Read Full Post »

E qui andiamo decisamente fuori ambito Oscar.

A meno che non si becchi qualche nominations per gli effetti speciali.

In uscita il 1 gennaio.

La regia di James Wan mi lascia sperare per il meglio.

Read Full Post »

Questo è potenzialmente uno dei grandi partecipanti agli Oscar di quest’anno.

Nelle sale il 7 febbraio, fortunatamente prima della cerimonia.

Read Full Post »

Read Full Post »

Manco a dirlo, sezione After Hours.

Regia di Pascal Laugier, per una produzione franco-canadese ma girata in inglese.

Vera e Beth sono in viaggio con la loro madre verso la casa di una zia.

Quando arrivano a destinazione trovano una vecchia dimora piena zeppa di anticaglie, oggetti recuperati da tutte le parti e tante, tantissime bambole.

E’ strana, quella casa.

La sera stessa le tre donne vengono aggredite da due folli conciati in modo bizzarro e devono lottare disperatamente per la loro salvezza.

A distanza di anni, Beth, ormai adulta, è un’affermata scrittrice di romanzi horror e ha deciso di raccontare quell’esperienza in un libro, Incident in a Ghostland.

Nel frattempo, qualcosa fa sì che si veda costretta a tornare nella vecchia casa, dove sono rimaste sua madre e sua sorella.

Vera è rimasta strana e piena di problemi. Sembra non aver mai davvero superato la notte dell’aggressione.

Beth si ferma con lei. Vuole aiutarla. E qualcosa comincia a non tornare. Qualcosa di quella notte che forse non si sono lasciate del tutto alle spalle.

Un bell’horror vecchia maniera. Con i cattivi psicopatici nascosti nel buio che ti fanno saltare sulla poltrona.

Ok, non è perfetto e delle pecche ci sono. Le ragazze urlano un po’ troppo e di villain ne ho visti di più spaventosi, però nel complesso il giudizio è più che valido.

Una buona scansione dei tempi dell’horror ti lascia entrare e ambientare con calma prima di mettere tutto in discussione. Ribaltamenti di prospettiva e piani di realtà che si incastrano come scatole cinesi.

Un po’ di jumpscare ma ben utilizzato, in modo funzionale alle situazioni.

Personalmente tendo a spaventarmi di più quando c’è di mezzo il sovrannaturale, mentre qui siamo più sul lato non-aprite-quella-porta dell’horror, però le bambole sono terribilmente inquietanti e, in ogni caso, la tensione si crea.

E con questo si conclude anche il mio TFF di quest’anno.

Ghostland arriva nelle sale oggi, con il titolo La casa delle bambole.

Cinematografo & Imdb.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: