Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Birdman’ Category

Miglior film

  • Birdman, regia di Alejandro González Iñárritu
  • American Sniper, regia di Clint Eastwood
  • Boyhood, regia di Richard Linklater
  • Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel), regia di Wes Anderson
  • The Imitation Game, regia di Morten Tyldum
  • Selma – La strada per la libertà (Selma), regia di Ava DuVernay
  • La teoria del tutto (The Theory of Everything), regia di James Marsh
  • Whiplash, regia di Damien Chazelle

Miglior regia

  • Alejandro González IñárrituBirdman
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Bennett Miller – Foxcatcher
  • Morten Tyldum – The Imitation Game

Miglior attore protagonista

  • Eddie RedmayneLa teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Steve Carell – Foxcatcher
  • Bradley Cooper – American Sniper
  • Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
  • Michael Keaton – Birdman

Miglior attrice protagonista

  • Julianne MooreStill Alice
  • Marion Cotillard – Due giorni, una notte (Deux jours, une nuit)
  • Felicity Jones – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Rosamund Pike – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Reese Witherspoon – Wild

Miglior attore non protagonista

  • J. K. SimmonsWhiplash
  • Robert Duvall – The Judge
  • Ethan Hawke – Boyhood
  • Edward Norton – Birdman
  • Mark Ruffalo – Foxcatcher

Migliore attrice non protagonista

  • Patricia ArquetteBoyhood
  • Laura Dern – Wild
  • Keira Knightley – The Imitation Game
  • Emma Stone – Birdman
  • Meryl Streep – Into the Woods

Migliore sceneggiatura originale

  • Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris e Armando BoBirdman
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Dan Futterman e E. Max Frye – Foxcatcher
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Dan Gilroy – Lo sciacallo – Nightcrawler (Nightcrawler)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Graham MooreThe Imitation Game
  • Paul Thomas Anderson – Vizio di forma (Inherent Vice)
  • Damien Chazelle – Whiplash
  • Jason Hall – American Sniper
  • Anthony McCarten – La teoria del tutto (The Theory of Everything)

Miglior film straniero

  • Ida, regia di Paweł Pawlikowski (Polonia)
  • Leviathan (Leviafan), regia di Andrej Petrovič Zvjagincev (Russia)
  • Mandariinid, regia di Zaza Urushadze (Estonia)
  • Storie pazzesche (Relatos salvajes), regia di Damián Szifrón (Argentina)
  • Timbuktu, regia di Abderrahmane Sissako (Mauritania)

Miglior film d’animazione

  • Big Hero 6, regia di Don Hall e Chris Williams
  • Boxtrolls – Le scatole magiche (The Boxtrolls), regia di Graham Annable e Anthony Stacchi
  • Dragon Trainer 2 (How to Train Your Dragon 2), regia di Dean DeBlois
  • Song of the Sea, regia di Tomm Moore
  • La storia della principessa splendente (かぐや姫の物語), regia di Isao Takahata

Migliore fotografia

  • Emmanuel LubezkiBirdman
  • Robert Yeoman – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Ryszard Lenczewski e Lukasz Zal – Ida
  • Dick Pope – Turner (Mr. Turner)
  • Roger Deakins – Unbroken

Miglior scenografia

  • Adam StockhausenGrand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Maria Đurkovic – The Imitation Game
  • Nathan Crowley – Interstellar
  • Dennis Gassner – Into the Woods
  • Suzie Davies – Turner (Mr. Turner)

Miglior montaggio

  • Tom CrossWhiplash
  • Joel Cox e Gary D. Roach – American Sniper
  • Sandra Adair – Boyhood
  • Barney Pilling – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • William Goldenberg – The Imitation Game

Migliore colonna sonora

  • Alexandre DesplatGrand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Alexandre Desplat – The Imitation Game
  • Jóhann Jóhannsson – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Gary Yershon – Turner (Mr. Turner)
  • Hans Zimmer – Interstellar

Migliore canzone

  • Glory, musica e parole di John Stephens e Lonnie Lynn – Selma – La strada per la libertà (Selma)[5]
  • Everything Is Awesome, musica e parole di Shawn Patterson – The LEGO Movie
  • Grateful, musica e parole di Diane Warren – Beyond the Lights
  • I’m Not Gonna Miss You, musica e parole di Glen Campbell e Julian Raymond – Glen Campbell: I’ll Be Me
  • Lost Stars, musica e parole di Gregg Alexander e Danielle Brisebois – Tutto può cambiare (Begin Again)

Migliori effetti speciali

  • Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter e Scott FisherInterstellar
  • Dan DeLeeuw, Russell Earl, Bryan Grill e Dan Sudick – Captain America: The Winter Soldier
  • Joe Letteri, Dan Lemmon, Daniel Barrett e Erik Winquist – Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie (Dawn of the Planet of the Apes)
  • Stephane Ceretti, Nicolas Aithadi, Jonathan Fawkner e Paul Corbould – Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy)
  • Richard Stammers, Lou Pecora, Tim Crosbie e Cameron Waldbauer – X-Men – Giorni di un futuro passato (X-Men: Days of Future Past)

Miglior sonoro

  • Craig Mann, Ben Wilkins e Thomas CurleyWhiplash
  • John Reitz, Gregg Rudloff e Walt Martin – American Sniper
  • Jon Taylor, Frank A. Montaño e Thomas Varga – Birdman
  • Gary A. Rizzo, Gregg Landaker e Mark Weingarten – Interstellar
  • Jon Taylor, Frank A. Montaño e David Lee – Unbroken

Miglior montaggio sonoro

  • Alan Robert Murray e Bub AsmanAmerican Sniper
  • Martin Hernández e Aaron Glascock – Birdman
  • Brent Burge e Jason Canovas – Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate (The Hobbit: The Battle of the Five Armies)
  • Richard King – Interstellar
  • Becky Sullivan e Andrew DeCristofaro – Unbroken

Migliori costumi

  • Milena CanoneroGrand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Colleen Atwood – Into the Woods
  • Anna B. Sheppard e Jane Clive – Maleficent
  • Jacqueline Durran – Turner (Mr.Turner)
  • Mark Bridges – Vizio di forma (Inherent Vice)

Miglior trucco e acconciatura

  • Frances Hannon e Mark CoulierGrand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Bill Corso e Dennis Liddiard – Foxcatcher
  • Elizabeth Yianni-Georgiou e David White – Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy)

Miglior documentario

  • Citizenfour, regia di Laura Poitras
  • Alla ricerca di Vivian Maier (Finding Vivian Maier), regia di John Maloof e Charlie Siskel
  • Last Days in Vietnam, regia di Rory Kennedy
  • Il sale della terra (The Salt of the Earth), regia di Juliano Ribeiro Salgado e Wim Wenders
  • Virunga, regia di Orlando von Einsiedel

Miglior cortometraggio documentario

  • Crisis Hotline: Veterans Press 1, regia di Ellen Goosenberg Kent
  • Joanna, regia di Aneta Kopacz
  • Nasza klatwa, regia di Tomasz Sliwinski
  • La parka, regia di Gabriel Serra
  • White Earth, regia di Christian Jensen

Miglior cortometraggio

  • The Phone Call, regia di Mat Kirkby
  • Aya, regia di Oded Binnun e Mihal Brezis
  • Boogaloo and Graham, regia di Michael Lennox
  • La lampe au beurre de yak, regia di Wei Hu
  • Parvaneh, regia di Jon Milano

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Winston (Feast), regia di Patrick Osborne
  • The Bigger Picture, regia di Daisy Jacobs
  • The Dam Keeper, regia di Robert Kondo e Daisuke Tsutsumi
  • Me and My Moulton, regia di Torill Kove
  • A Single Life, regia di Joris Oprins

 

Appunti sparsi.

E anche quest’anno è andata.

Alla fine ieri ho ceduto verso le 3.30 – per mere ragioni tecniche, a dir la verità, perché in effetti ero ancora piuttosto garrula – il che significa che sono arrivata più o meno al miglior film straniero, se non faccio confusione con l’ordine dei premi.

Ho poi finito di vedermi la premiazione oggi e devo dire che, tutto sommato, non mi son neanche ridotta tanto male.

Ok, sì, Redmayne mi ha distrutta ma perché tra un po’ si metteva a piangere lui e così non vale, per forza poi io lacrimo. E anche la Julianne. Come si fa a rimanere impassibili? Eh?

Nel complesso sono soddisfatta di questa edizione. Forse ho sentito un po’ meno il pathos rispetto all’anno scorso ma non escludo che sia dovuto al fatto che l’anno scorso c’era di mezzo Dallas Buyers Club che è un film che mi ha coinvolto in modo tragicamente viscerale.

E poi c’erano Martin e Leo. E io che mi sentivo in colpa a fare il tifo per McConaughey.

E poi c’era stata l’incazzatura per Gravity – che, seppur in senso negativo, pure quello è pathos.

Quest’anno mi ha dato l’impressione che fosse tutto in qualche modo un po’ più calmo. Che i conflitti e le competizioni fossero meno aspri.

Patrick Harris si è rivelato un bravo conduttore, anche se non aveva sicuramente la verve di una DeGeneres.

Ho sinceramente esultato per quasi tutti i premi.

J.K. Simmons è stato quasi inaspettato. Sperato, e tanto, quello sì ma non ci credevo davvero. Meritatissimo. Per quanto ami Norton, Simmons con Whiplash è su un altro pianeta.

Still Alice non l’ho visto ma un premio a Julianne Moore mi fa esultare a prescindere. E, a forza di sentirne parlare, andrà a finire che mi andrò a vedere anche questo.

Forse mi avrebbe fatto piacere qualcosetta in più a Imitation Game ma non mi sentirei neanche di togliere niente di quello che è stato assegnato a Birdman o a Grand Budapest perché meritavano tutto.

Sono così contenta per miglior film e miglior regia a Birdman.

E anche per le quattro statuette a Grand Budapest, tra cui quella alla Canonero – il suo quarto oscar, tra l’altro.

Onestamente non avrei dato miglior attrice non protagonista a Patricia Arquette. Boyhood mi è piaciuto parecchio ma non ho trovato nessuna interpretazione così sopra le righe da meritare un oscar. L’avrei dato più volentieri a Emma Stone (e non solo perché ha gli occhioni 😛 ).

Gianni Canova a seguire la telecronaca di Cielo è stata una gran bella cosa. Una di quelle cose che ti riappacificano con la critica cinematografica.

Le sue considerazioni sul fatto che in questa edizione degli oscar andava premiata la creatività (più che il biopic o la storia vera) visti gli esempi di grande livello che si presentavano (Birdman e GBH per l’appunto); l’essersi ricordato di Nolan e l’aver espresso il giusto rammarico per l’esclusione di Interstellar praticamente da tutto; l’aver fatto riferimento a Jersey Boys come esempio più significativo (rispetto ad American Sniper) della grandezza di Clint Eastwood. Ecco. Già solo queste considerazioni mi han fatto venir voglia di alzarmi e andare ad abbracciare la tv.

A seguire un po’ di foto random da red carpet e premiazione.

Ho volutamente evitato foto di Melanie Griffith e Dakota Johnson perché mi veniva un ictus ogni volta che le inquadravano.  Ma io non avevo mica capito che la monoespressiva interprete del purtroppo tanto reclamizzato 50 sfumature fosse la figlia di Melanie Griffith. E, a parte il fatto che se sentivo nominare ancora una volta quel titolo cominciavo a sbavare verde e a bestemmiare in sanscrito al rovescio, non mi ha turbato la parentela in sé – il cinema è pieno di figli d’arte tutt’altro che immeritevoli – ma mi ha infastidito il fatto che il nepotismo fosse così evidente perché privo di fondamento. La Dakota Johnson non è un attrice che viene da una famiglia di attori. E’ solo una che ha avuto un calcio in culo e ha tentato il colpo con una roba per casalinghe frustrate e tamarre con velleità (di cosa poi, rimane un mistero). E poi Melanie Griffith così rifatta e nerovestita sembrava veramente una strega/matrigna cattiva e la cosa mi è dispiaciuta.

Anyway, se mi è concesso di prolungare ancora un momento l’angolo del gossip, per me il vestito più bello rimane quello di Rosemund Pike.

tumblr_nk77yhpOvx1qzdarao1_400

tumblr_nk77yhpOvx1qzdarao2_400

tumblr_nk77oyqljD1qzdarao1_400

tumblr_nk77oyqljD1qzdarao4_400

tumblr_nk766oh4sc1s2791bo1_500

tumblr_nk76tqTKcQ1s2791bo2_500

tumblr_nk766oh4sc1s2791bo2_500

tumblr_nk76tqTKcQ1s2791bo3_500

tumblr_nk78cpJGgc1ryqsjbo1_400

tumblr_nk7bytZfz41s5459ro2_250

tumblr_nk7butQ7UA1qbivzbo1_540

tumblr_nk86c8VKvX1sv22xeo1_1280

tumblr_nk7k1cvvlI1u33cq8o1_1280

tumblr_nk7luyE4bS1s4aup8o1_500

tumblr_nk7irwHtCr1u33cq8o1_1280

tumblr_nk7h34cCg11u33cq8o1_540

tumblr_nk7apfVKwF1r1i4luo1_500

tumblr_nk7k98CCt11qgmb0vo1_540

tumblr_nk7fqrfUbE1srnwquo2_500

tumblr_nk84pn4zRA1sn2h11o1_500

tumblr_nk7j0aIWoA1u33cq8o1_540

tumblr_nk7baxXrMn1r1men0o1_540

tumblr_nk79gfFKWF1tfbvz4o1_1280

tumblr_nk795yub081sgjlv0o1_540

tumblr_nk7v4dSYzD1sgzu18o1_540

Annunci

Read Full Post »

Birdman-Locandina

Bello, bellissimo e anche di più.

Riggan è un attore di Hollywood un tempo celebre per aver vestito i panni del supereroe Birdman. Giunto ad una fase calante della carriera, tenta di risollevare le proprie sorti portando in teatro una sua versione riadattata di un’opera di Raymond Carver, What We Talk About When We Talk About Love.

Niente però sembra andare per il verso giusto e la preparazione dello spettacolo avanza, zoppicante, tra attori che non vanno, incidenti di scena, soldi che mancano e ripensamenti di Riggan che pare sempre sul punto di mollare tutto da un momento all’altro.

Riggan è ossessionato dal bisogno di dimostrare a se stesso e al mondo di essere in grado di lasciare un segno. Di fare qualcosa di importante.

Ma soprattutto, Riggan è ossessionato dalla voce di Birdman. Dal fantasma di Birdman. Dalla voce dell’eroe mascherato che risuona impietosa e incessante nella sua testa per ricordargli che lui non era destinato ad un misero teatro. Lui era fatto per ben altro. Per avere successo, per essere potente e ammirato da tutti.

A complicare ulteriormente le cose ci si mettono Mike, un attore incredibilmente adatto per il lavoro di Carver ma dall’ego strabordante e ingestibile, una figlia fresca di disintossicazione che si aggira per i camerini cercando di raggiungere un rapporto col padre passando dal ruolo di sua assistente, un agente perennemente sull’orlo del crollo emotivo, due attrici col mito di arrivare e Broadway e un’autostima inesistente e una critica teatrale da cui dipende il futuro di tutti quanti.

Iñàrritu è un regista che ormai da anni ci ha abituati bene. Ci ha abituati ad aspettarci molto, senza mai deludere.

E anche in questo caso si rivela all’altezza dando vita ad un film complesso e densissimo. Una carrellata impietosa sulle dinamiche della fama, sui meccanismi interni che da Hollywood si irradiano a definire irrimediabilmente i parametri e il concetto stesso di celebrità anche fuori da Hollywood stessa.

E’ il cinema che parla a se stesso di se stesso e sì, ok, lo hanno già fatto in tanti, si è già visto in molte salse, ma Inarritù dimostra grande intelligenza e grande mestiere nel maneggiare l’argomento.

L’autoreferenzialità del cinema a se stesso c’è ma non rimane una sterile elucubrazione alla quale lo spettatore può semplicemente assistere dall’esterno. Il travaglio di Riggan sulle sorti e sulla natura della sua notorietà sono umani, concreti, rimangono sempre su un piano quotidiano che coinvolge direttamente lo spettatore, che instaura, fin dalla prima scena, un’empatia totale.

La complessità del personaggio di Riggan e della dimensione in cui si muove non è imposta dall’alto ma creata progressivamente dal livello più basso della sua umana disperazione. Da quel livello in cui la ricerca artistica non è snobistica rappresentazione di un ambiente che si vuole al di fuori delle logiche  comuni ma concreta lotta di tutti i giorni con i propri grotteschi fantasmi.

Birdman è un film surreale, ironico e divertentissimo. E’ un film pieno di lucida autoironia. E’ come avere Altman senza tutta la pesantezza di Altman.

E’ geniale senza mai ostentare di esserlo.

E’ un film pieno, pieno, pienissimo di domande e risposte.

E’ un film che ti cattura in modo magnetico fin dai primi fotogrammi e ti risputa fuori con un sorriso ebete stampato in volto. Frastornato dal turbine che ti ha fatto attraversare. Buttato avanti e indietro tra esaltazione e disperazione e dannatamente contento di esserti fatto trascinare.

E’ un film complesso anche dal punto di vista tecnico, composto tutto da lunghissimi piani sequenza che contribuiscono ulteriormente a catturare lo spettatore negli angusti corridoi in cui si muovono i personaggi.

Michael Keaton-Riggan è bravissimo, con il volto invecchiato, lo sguardo stralunato e sempre dolorosamente espressivo. Oltretutto, il suo passato nei panni del Batman di Tim Burton lo rende ironicamente perfetto per questo ruolo, in un ennesimo gioco di metateatralità, di rottura della finzione, che si aggiunge ai numerosi ammiccamenti disseminati qua e là nel film, con riferimento a tutte le famose star di Hollywood attualmente sulla cresta dell’onda nelle vesti di qualche supereoe (su Fassbender che non è disponibile per un ruolo in teatro perché sta girando il sequel del prequel degli X-Men mi sono ribaltata).

Nel ruolo di Mike c’è invece un Edward Norton spettacolare come non lo si vedeva da un po’. Non ho ancora visto né Foxcatcher Whiplash ma per il momento il mio Oscar come miglior attore non protagonista va a lui senza indugio. E lo so che forse sono di parte perché ho sempre avuto un debole per Edward Norton e per quelle sue espressioni che riescono ad esprimere tutto il dolore e la consapevolezza del mondo in poco meno di due secondi, ma no, non sono di parte, se lo merita tutto, l’Oscar.

Naomi Watts è brava ma non particolarmente sopra le righe, in un ruolo che sembra voler richiamare con la sua stessa esistenza, il suo personaggio di Betty/Diane nel Mulholland Drive di Lynch.

Notevole invece Emma Stone. Al di là del fatto che io rimango scioccata tutte le volte che la vedo dalla dimensione dei suoi occhi, non saprei dire se se le assegnerei l’oscar come miglior attrice non protagonista, ma di sicuro la nomination se l’è meritata.

Assolutamente da non perdere.

People, they love blood. They love action. Not this talky, depressing, philosophical bullshit.

Cinematografo & Imdb.

tn_gnp_et_1025_film

_AF_6405.CR2

75555

birdman_clip_pulls_051514-LUT.00070587.tif

birdman

Read Full Post »

La scorsa settimana ho completamente trascurato il panorama eventi, quindi occorre fare un po’ il punto della situazione.

 

I Golden Globes.

 

Miglior film drammatico

  • Boyhood, regia di Richard Linklater
  • Foxcatcher, regia di Bennett Miller
  • The Imitation Game, regia di Morten Tyldum
  • Selma – La strada per la libertà (Selma), regia di Ava DuVernay
  • La teoria del tutto (The Theory of Everything), regia di James Marsh

Miglior film commedia o musicale

  • Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel), regia di Wes Anderson
  • Birdman, regia di Alejandro González Iñárritu
  • Into the Woods, regia di Rob Marshall
  • Pride, regia di Matthew Warchus
  • St. Vincent, regia di Theodore Melfi

Miglior regista

  • Richard LinklaterBoyhood
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Ava DuVernay – Selma – La strada per la libertà (Selma)
  • David Fincher – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Alejandro González Iñárritu – Birdman

Migliore attrice in un film drammatico

  • Julianne MooreStill Alice
  • Jennifer Aniston – Cake
  • Felicity Jones – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Rosamund Pike – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Reese Witherspoon – Wild

Miglior attore in un film drammatico

  • Eddie RedmayneLa teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Steve Carell – Foxcatcher
  • Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
  • Jake Gyllenhaal – Lo sciacallo – Nightcrawler (Nightcrawler)
  • David Oyelowo – Selma – La strada per la libertà (Selma)

Migliore attrice in un film commedia o musicale

  • Amy AdamsBig Eyes
  • Emily Blunt – Into the Woods
  • Helen Mirren – Amore, cucina e curry (The Hundred-Foot Journey)
  • Julianne Moore – Maps to the Stars
  • Quvenzhané Wallis – Annie

Miglior attore in un film commedia o musicale

  • Michael KeatonBirdman
  • Ralph Fiennes – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Bill Murray – St. Vincent
  • Joaquin Phoenix – Vizio di forma (Inherent Vice)
  • Christoph Waltz – Big Eyes

Miglior film d’animazione

  • Dragon Trainer 2 (How to Train your Dragon 2), regia di Dean DeBlois
  • Big Hero 6, regia di Don Hall e Chris Williams
  • Boxtrolls – Le scatole magiche (The Boxtrolls), regia di Graham Annable e Anthony Stacchi
  • The LEGO Movie, regia di Phil Lord e Chris Miller
  • Il libro della vita (The Book of Life), regia di Jorge Gutierrez

Miglior film straniero

  • Leviathan (Leviafan), regia di Andrej Petrovič Zvjagincev (Russia)
  • Ida, regia di Paweł Pawlikowski (Polonia)
  • Mandariinid, regia di Zaza Urushadze (Estonia)
  • Turist (Force Majeure), regia di Ruben Östlund (Svezia)
  • Viviane (Gett: The Trial of Vivianne), regia di Ronit Elkabetz e Shlomi Elkabetz (Israele)

Migliore attrice non protagonista

  • Patricia ArquetteBoyhood
  • Jessica Chastain – A Most Violent Year
  • Keira Knightley – The Imitation Game
  • Emma Stone – Birdman
  • Meryl Streep – Into the Woods

Miglior attore non protagonista

  • J. K. Simmons – Whiplash
  • Robert Duvall – The Judge
  • Ethan Hawke – Boyhood
  • Edward Norton – Birdman
  • Mark Ruffalo – Foxcatcher

Migliore sceneggiatura

  • Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris, Armando BoBirdman
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Gillian Flynn – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Graham Moore – The Imitation Game

Migliore colonna sonora originale

  • Jóhann Jóhannsson – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Alexandre Desplat – The Imitation Game
  • Trent Reznor e Atticus Ross – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Antonio Sanchez – Birdman
  • Hans Zimmer – Interstellar

Migliore canzone originale

  • Glory (John Legend e Common) – Selma – La strada per la libertà (Selma)
  • Big Eyes (Lana Del Rey) – Big Eyes
  • Mercy Is (Patti Smith e Lenny Kaye) – Noah
  • Opportunity (Greg Kurstin, Sia Furler e Will Gluck) – Annie
  • Yellow Flicker Beat (Lorde) – Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I (The Hunger Games: Mockingjay – Part 1)

Premi per la televisione

Miglior serie drammatica

  • The Affair
  • Downton Abbey
  • The Good Wife
  • House of Cards – Gli intrighi del potere (House of Cards)
  • Il Trono di Spade (Game of Thrones)

Migliore attrice in una serie drammatica

  • Ruth WilsonThe Affair
  • Claire Danes – Homeland – Caccia alla spia (Homeland)
  • Viola Davis – Le regole del delitto perfetto (How to Get Away with Murder)
  • Julianna Margulies – The Good Wife
  • Robin Wright – House of Cards – Gli intrighi del potere (House of Cards)

Miglior attore in una serie drammatica

  • Kevin SpaceyHouse of Cards – Gli intrighi del potere (House of Cards)
  • Clive Owen – The Knick
  • Liev Schreiber – Ray Donovan
  • James Spader – The Blacklist
  • Dominic West – The Affair

Miglior serie commedia o musicale

  • Transparent
  • Girls
  • Jane the Virgin
  • Orange is the New Black
  • Silicon Valley

Migliore attrice in una serie commedia o musicale

  • Gina RodriguezJane the Virgin
  • Lena Dunham – Girls
  • Edie Falco – Nurse Jackie – Terapia d’urto (Nurse Jackie)
  • Julia Louis-Dreyfus – Veep – Vicepresidente incompetente (Veep)
  • Taylor Schilling – Orange is the New Black

Miglior attore in una serie commedia o musicale

  • Jeffrey TamborTransparent
  • Louis C.K. – Louie
  • Don Cheadle – House of Lies
  • Ricky Gervais – Derek
  • William H. Macy – Shameless

Miglior mini-serie o film per la televisione

  • Fargo
  • The Missing
  • The Normal Heart
  • Olive Kitteridge
  • True Detective

Migliore attrice in una mini-serie o film per la televisione

  • Maggie GyllenhaalThe Honourable Woman
  • Jessica Lange – American Horror Story: Freak Show
  • Frances McDormand – Olive Kitteridge
  • Frances O’Connor – The Missing
  • Allison Tolman – Fargo

Miglior attore in una mini-serie o film per la televisione

  • Billy Bob ThorntonFargo
  • Martin Freeman – Fargo
  • Woody Harrelson – True Detective
  • Matthew McConaughey – True Detective
  • Mark Ruffalo – The Normal Heart

Migliore attrice non protagonista in una serie, mini-serie o film per la televisione

  • Joanne FroggattDownton Abbey
  • Uzo Aduba – Orange is the New Black
  • Kathy Bates – American Horror Story: Freak Show
  • Allison Janney – Mom
  • Michelle Monaghan – True Detective

Miglior attore non protagonista in una serie, mini-serie o film per la televisione

  • Matt BomerThe Normal Heart
  • Alan Cumming – The Good Wife
  • Colin Hanks – Fargo
  • Bill Murray – Olive Kitteridge
  • Jon Voight – Ray Donovan

Golden Globe alla carriera

  • George Clooney

 

Le nominations per gli Oscar.

 

Miglior film

  • American Sniper, regia di Clint Eastwood
  • Birdman, regia di Alejandro González Iñárritu
  • Boyhood, regia di Richard Linklater
  • Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel), regia di Wes Anderson
  • The Imitation Game, regia di Morten Tyldum
  • Selma – La strada per la libertà (Selma), regia di Ava DuVernay
  • La teoria del tutto (The Theory of Everything), regia di James Marsh
  • Whiplash, regia di Damien Chazelle

Miglior regia

  • Alejandro González Iñárritu – Birdman
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Bennett Miller – Foxcatcher
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Morten Tyldum – The Imitation Game

Miglior attore protagonista

  • Steve Carell – Foxcatcher
  • Bradley Cooper – American Sniper
  • Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
  • Michael Keaton – Birdman
  • Eddie Redmayne – La teoria del tutto (The Theory of Everything)

Miglior attrice protagonista

  • Marion Cotillard – Due giorni, una notte (Deux jours, une nuit)
  • Felicity Jones – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Julianne Moore – Still Alice
  • Rosamund Pike – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Reese Witherspoon – Wild

Miglior attore non protagonista

  • Robert Duvall – The Judge
  • Ethan Hawke – Boyhood
  • Edward Norton – Birdman
  • Mark Ruffalo – Foxcatcher
  • J. K. Simmons – Whiplash

Migliore attrice non protagonista

  • Patricia Arquette – Boyhood
  • Laura Dern – Wild
  • Keira Knightley – The Imitation Game
  • Emma Stone – Birdman
  • Meryl Streep – Into the Woods

Migliore sceneggiatura originale

  • Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris e Armando Bo – Birdman
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Dan Futterman e E. Max Frye – Foxcatcher
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Dan Gilroy – Lo sciacallo – Nightcrawler (Nightcrawler)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Jason Hall – American Sniper
  • Graham Moore – The Imitation Game
  • Paul Thomas Anderson – Vizio di forma (Inherent Vice)
  • Anthony McCarten – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Damien Chazelle – Whiplash

Miglior film straniero

  • Ida, regia di Paweł Pawlikowski (Polonia)
  • Mandariinid, regia di Zaza Urushadze (Estonia)
  • Leviathan (Leviafan), regia di Andrej Petrovič Zvjagincev (Russia)
  • Timbuktu, regia di Abderrahmane Sissako (Mauritania)
  • Storie pazzesche (Relatos salvajes), regia di Damián Szifrón (Argentina)

Miglior film d’animazione

  • Big Hero 6, regia di Don Hall e Chris Williams
  • Boxtrolls – Le scatole magiche (The Boxtrolls), regia di Graham Annable e Anthony Stacchi
  • Dragon Trainer 2 (How to Train Your Dragon 2), regia di Dean DeBlois
  • Song of the Sea, regia di Tomm Moore
  • La storia della principessa splendente (かぐや姫の物語), regia di Isao Takahata

Migliore fotografia

  • Emmanuel Lubezki – Birdman
  • Robert Yeoman – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Ryszard Lenczewski e Lukasz Zal – Ida
  • Dick Pope – Turner (Mr. Turner)
  • Roger Deakins – Unbroken

Miglior scenografia

  • Adam Stockhausen – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Maria Djurkovic – The Imitation Game
  • Nathan Crowley – Interstellar
  • Dennis Gassner – Into the Woods
  • Suzie Davies – Turner (Mr. Turner)

Miglior montaggio

  • Joel Cox e Gary D. Roach – American Sniper
  • Sandra Adair – Boyhood
  • Barney Pilling – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • William Goldenberg – The Imitation Game
  • Tom Cross – Whiplash

Migliore colonna sonora

  • Alexandre Desplat – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Alexandre Desplat – The Imitation Game
  • Hans Zimmer – Interstellar
  • Gary Yershon – Turner (Mr. Turner)
  • Jóhann Jóhannsson – La teoria del tutto (The Theory of Everything)

Migliore canzone

  • Everything Is Awesome, musica e parole di Shawn Patterson – The LEGO Movie
  • Glory, musica e parole di John Stephens e Lonnie Lynn – Selma – La strada per la libertà (Selma)
  • Grateful, musica e parole di Diane Warren – Beyond the Lights
  • I’m Not Gonna Miss You, musica e parole di Glen Campbell e Julian Raymond – Glen Campbell: I’ll Be Me
  • Lost Stars, musica e parole di Gregg Alexander e Danielle Brisebois – Tutto può cambiare (Begin Again)

Migliori effetti speciali

  • Dan DeLeeuw, Russell Earl, Bryan Grill e Dan Sudick – Captain America: The Winter Soldier
  • Joe Letteri, Dan Lemmon, Daniel Barrett e Erik Winquist – Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie (Dawn of the Planet of the Apes)
  • Stephane Ceretti, Nicolas Aithadi, Jonathan Fawkner e Paul Corbould – Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy)
  • Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter e Scott Fisher – Interstellar
  • Richard Stammers, Lou Pecora, Tim Crosbie e Cameron Waldbauer – X-Men – Giorni di un futuro passato (X-Men: Days of Future Past)

Miglior sonoro

  • American Sniper
  • Birdman
  • Interstellar
  • Unbroken
  • Whiplash

Miglior montaggio sonoro

  • American Sniper
  • Birdman
  • Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate (The Hobbit: The Battle of the Five Armies)
  • Interstellar
  • Unbroken

Migliori costumi

  • Milena Canonero – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Mark Bridges – Vizio di forma (Inherent Vice)
  • Colleen Atwood – Into the Woods
  • Anna B. Sheppard e Jane Clive – Maleficent
  • Jacqueline Durran – Turner (Mr.Turner)

Miglior trucco e acconciatura

  • Bill Corso e Dennis Liddiard – Foxcatcher
  • Frances Hannon e Mark Coulier – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Elizabeth Yianni-Georgiou e David White – Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy)

Miglior documentario

  • Citizenfour, regia di Laura Poitras
  • Alla ricerca di Vivian Maier (Finding Vivian Maier), regia di John Maloof e Charlie Siskel
  • Last Days in Vietnam, regia di Rory Kennedy
  • Il sale della terra (The Salt of the Earth), regia di Juliano Ribeiro Salgado e Wim Wenders
  • Virunga, regia di Orlando von Einsiedel

Miglior cortometraggio documentario

  • Crisis Hotline: Veterans Press 1, regia di Ellen Goosenberg Kent
  • Joanna, regia di Aneta Kopacz
  • Nasza klatwa, regia di Tomasz Sliwinski
  • La parka, regia di Gabriel Serra
  • White Earth, regia di Christian Jensen

Miglior cortometraggio

  • Aya, regia di Oded Binnun e Mihal Brezis
  • Boogaloo and Graham, regia di Michael Lennox
  • La lampe au beurre de yak, regia di Wei Hu
  • Parvaneh, regia di Jon Milano
  • The Phone Call, regia di Mat Kirkby

Miglior cortometraggio d’animazione

  • The Bigger Picture, regia di Daisy Jacobs
  • The Dam Keeper, regia di Robert Kondo e Daisuke Tsutsumi
  • Winston (Feast), regia di Patrick Osborne
  • Me and My Moulton, regia di Torill Kove
  • A Single Life, regia di Joris Oprins

 

Considerazioni sparse.

Sono contenta delle nomination per American Sniper ma, onestamente, non faccio il tifo per Clint. Perché continuo a non provare empatia per il protagonista e perché non credo meriti degli oscar.

Non vedo l’ora di vedere Birdman. Adoro Inarritù e mi aspetto parecchio.

Sono anche molto contenta delle sorti di Grand Budapest Hotel. Per il Globe e per le nominations. Ho qualche dubbio che abbia delle reali possibilità per Miglior Film perché è persino troppo leggero per gli standard dell’Academy e visto il tenore degli altri concorrenti, ma magari miglior regia potrebbe anche spuntarla e non sarebbe immeritato. Sono dell’idea che Wes Anderson vada premiato a prescindere.

Mi sono persa Boyhood e la cosa mi fa oltremodo incazzare, dato che è stato nelle sale tantissimo. Dovrei riuscire comunque a mettere le zampe sul dvd prima della cerimonia degli Oscar.

Molto, molto felice anche per le nominations ad Imitation Game. Non sono ancora riuscita a parlarne decentemente ma ho amato molto questo film e spero che qualcosa si porti a casa.

Lieta anche di vedere il nome di Julianne Moore, anche se di Still Alice non so quasi nulla.

Non eccessivamente meritato invece il Globe a Amy Adams per Big Eyes. Meritava sicuramente di più di essere premiata l’anno scorso per American Hustle. Anche di Big Eyes dovrei riuscire a parlare dei prossimi giorni, se una volta tanto riesco a mantenere un programma per una settimana.

Sulle candidature della Teoria del tutto per ora non mi pronuncio. Ho visto il film e anche questo è tra i post della settimana quindi non mi dilungo adesso. Mi limito a dire che la nomination a Redmayne – così come il Globe – è ovviamente meritata e, altrettanto ovviamente darà di nuovo il via al solito ritornello dello stravolgimento fisico=premio assicurato.

Molto delusa invece per la quasi totale esclusione di Interstellar. Sette oscar, l’anno scorso, a quella cagata colossale di Gravity e neanche una nomination decente per questo qui. Almeno miglior sceneggiatura originale potevano dargliela.

Per la sezione film d’animazione sono smodatamente contenta della nomination per Song of the Sea di Tomm Moore. L’ho visto nell’ambito del festival Sottodiciotto ed è veramente adorabile. Gli storyboard del film sono opera di Alessandra Sorrentino e Alfredo Cassano, torinesi e miei carissimi amici. E lo so che in concorso ci sono Dragon Trainer2 e Big Hero6, ma, per quel che mi riguarda, io faccio il tifo per Song of the Sea.

E un po’ di trailer.

 

Questo dovrebbe uscire il 22 gennaio. In realtà mi pare persino un po’ troppo drammatico e un po’ troppo classico nella sua drammaticità. Se vado a vederlo è proprio solo per Julianne.

In uscita il 5 febbraio. Il che significa che dovrei riuscire a vederlo prima della premiazione.

E questo invece me lo perdo per forza, almeno prima della cerimonia, perché esce il 5 marzo.

E questo spero tanto che arrivi anche in Italia.

Read Full Post »

logo-2014-cinema

Riemergo.

E arrivo giusto in tempo per la premiazione della 71a edizione della Mostra del Cinema di Venezia che ho perso completamente, data la mia abitudine di isolarmi praticamente da tutto quando sono via, ma che pare essere stata piuttosto interessante.

Film d’apertura Birdman, di Iñárritu, con Michael Keaton ed Edward Norton. In Italia dovrebbe arrivare l’anno prossimo e già il trailer mi garba parecchio.

Mi ha fatto piacere il premio alla Rohrwacher per Hungry Hearts e, nonostante la mia solita radicata diffidenza per il cinema italiano, credo che lo vedrò. Di Costanzo ho visto solo La solitudine dei numeri primi e, al di là delle mie riserve sulla storia in sé, avevo apprezzato la regia.

Anche per Hungry Hearts si parte da un libro, Il bambino indaco di Marco Franzoso, che non mi dispiacerebbe riuscire a leggere prima di vedere il film, con buona pace dei miei propositi di morigeratezza e di tenermi alla larga per un po’ da librerie e simili per espiare l’arraffamento compulsivo di libri cui ho dato libero sfogo ad agosto.

 

L’elenco dei premi.

 

LEONE D’ORO per il miglior film a:

EN DUVA SATT PÅ EN GREN OCH FUNDERADE PÅ TILLVARON

(A PIGEON SAT ON A BRANCH REFLECTING ON EXISTENCE)

di Roy Andersson (Svezia, Germania, Norvegia, Francia)

 

LEONE D’ARGENTO per la migliore regia a:

Andrej Koncalovskij

peril film BELYE NOCHI POCHTALONA ALEKSEYA TRYAPITSYNA

(THE POSTMAN’S WHITE NIGHTS)

(Russia)

 

GRAN PREMIO DELLA GIURIA a:

THE LOOK OF SILENCE di Joshua Oppenheimer (Danimarca, Finlandia, Indonesia, Norvegia, Regno Unito)

 

COPPA VOLPI

per la migliore interpretazione maschile a:

Adam Driver

nel film HUNGRY HEARTS di Saverio Costanzo (Italia)

 

COPPA VOLPI

per la migliore interpretazione femminile a:

Alba Rohrwacher

nel film HUNGRY HEARTS di Saverio Costanzo (Italia)

 

PREMIO MARCELLO MASTROIANNI

a un giovane attore o attrice emergente a:

Romain Paul

nel film LE DERNIER COUP DE MARTEAU di Alix Delaporte (Francia)

  

PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a:

Rakhshan Banietemad e Farid Mostafavi

per il film GHESSEHA (TALES) di Rakhshan Banietemad (Iran)

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a:

SIVAS di Kaan Müjdeci (Turchia, Germania)

 

LEONE DEL FUTURO – PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS) a:

COURT di Chaitanya Tamhane (India)

ORIZZONTI

 

PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR FILM a:

COURT di Chaitanya Tamhane (India)

 

PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE REGIA a:

Naji Abu Nowar

per THEEB (Giordania, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Regno Unito)

 

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA ORIZZONTI a:

BELLUSCONE. UNA STORIA SICILIANA

di Franco Maresco (Italia)

 

PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIOR INTERPRETAZIONE

MASCHILE O FEMMINILE a:

Emir Hadžihafizbegovic

nel film TAKVA SU PRAVILA (THESE ARE THE RULES)

di Ognjen Svilicic (Croazia, Francia, Serbia, Macedonia)

 

PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO a:

MARYAM di Sidi Saleh (Indonesia)

 

VENICE SHORT FILM NOMINATION FOR THE EUROPEAN FILM AWARDS 2014 a:

PAT – LEHEM (DAILY BREAD) di Idan Hubel (Israele)

 

PREMIO VENEZIA CLASSICI PER IL MIGLIOR DOCUMENTARIO SUL CINEMA a:

ANIMATA RESISTENZA di Francesco Montagner e Alberto Girotto (Italia)

 

PREMIO VENEZIA CLASSICI PER IL MIGLIOR FILM RESTAURATO a:

UNA GIORNATA PARTICOLARE di Ettore Scola (1977, Italia, Canada)

 

LEONE D’ORO ALLA CARRIERA 2014 a:

Thelma Schoonmaker

Frederick Wiseman

 

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: