Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Manola’ Category

cop

E alla fine doveva pur succedere. Ho trovato un libro della Mazzantini che non mi è piaciuto.

Ho aspettato un po’ a parlarne per vedere se l’impressione a caldo si mitigava ma no, continua a non piacermi esattamente come quando l’ho finito.

Ortensia e Anemone. Due sorelle. Due voci narranti che si rivolgono a Manola, raccontando ognuna la propria storia. Due personalità antitetiche, legate ma opposte. Attraverso le parole di ciascuna di loro si delinea il ritratto di se stessa e dell’altra, in quello che diventa una specie di gioco di specchi e di riflessi incrociati.

E, a dirla così, non ci sarebbe niente che non va. Se non fosse che, man mano che ci si inoltra nei racconti alternati delle due sorelle, i toni diventano via via sempre più calcati fino a risultare esageratamente grotteschi. Un grottesco che è chiaramente voluto e cercato dall’autrice in un crescendo quasi esasperato.

I tratti delle due personalità si amplificano in modo paradossale. Le vicende sono sempre più surreali. Il linguaggio funge da ulteriore cassa di risonanza per questa galleria di immagini sempre più distorte e deformate in quella che, a tratti, sembra quasi una sperimentazione di realismo magico però interamente rivolta verso il brutto. A predominare, nell’eccesso, è sempre ciò che è sgradevole.

Non manca l’ironia ma, anche laddove l’ho individuata, non l’ho trovata sufficiente a farmi superare il senso di abbrutimento che mi trasmetteva tutto il resto.

Una spirale discendente volta a mischiare gli opposti, ad annullare i confini, ad insinuare il dubbio che qualunque cosa possa essere anche il suo contrario.

Sostanzialmente non è l’idea di fondo del libro a non piacermi ma il modo in cui l’ha realizzata. Lo sguardo lucido e impietoso sui difetti e sulle contraddizioni perde la sua funzione di smascheramento e diventa caricaturale.

Non so. Leggo le critiche e vedo che l’aggettivo usato più spesso per descrivere Manola è divertente. Io l’ho trovato piuttosto irritante. Un esercizio di padronanza dei mezzi espressivi che sicuramente richiede abilità ma che alla fine non lascia poi molto.

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: