Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘A. Weir’ Category

untitled

Ridley Scott lo si va a vedere perché è Ridley Scott. E alla fine va anche bene così. E’ comunque un dato di fatto che negli ultimi anni non é che abbia sfornato proprio dei capolavori. Tanto per rimanere in ambito spaziale, dopo Prometheus avevo ben più di una preoccupazione, andando a vedere questo The Martian.

Parentesi. E grazie come sempre per il sotto/sopra-titolo indispensabile. Già che c’erano potevano mettere il sopravvissuto su Marte, così lo spiegavano ancora meglio. Se proprio non potevano resistere alla tentazione di tradurlo, potevano almeno usare il titolo italiano del libro di Andy Weir, L’uomo di Marte – da cui il film è tratto – che andava tanto bene e, nel caso, chiariva subito l’equivoco specificando che si tratta di un uomo e non di una nuova creatura aliena. Ma vabbè. Chiusa parentesi.

Ad ogni modo, preoccupata o meno, è andata a finire che ho dovuto rimangiarmi i miei pregiudizi, perché The Martian non è male per niente. Ed è anche un po’ insolito, per i canoni dello zio Ridley.

The Martian è un film allegro, a suo modo. Anche divertente a tratti. E’ un film positivo e avvincente.

L’astronauta Mark Watney, a causa di un incidente, si ritrova da solo in una stazione spaziale su Marte, abbandonata prematuramente dall’equipaggio di cui faceva parte anche lui. Ha di che sopravvivere ma non per molto. Deve aspettare la prossima missione. Si parla di anni.

Ha delle scorte ma non sono sufficienti. Deve ingegnarsi. Ha un’intera stazione spaziale e un sacco di bei giocattolini di marca Nasa con cui sbizzarrirsi. Ha le sue conoscenze di astronauta e di botanico. E ha tempo per capire come utilizzare tutto ciò per salvarsi.

Matt Damon è davvero bravo e dà vita ad un personaggio vivo, umano, vero. E’ un uomo dalla volontà ferrea. E’ forte ed è solo. La solitudine è palpabile e schiacciante. E’ il volto di Mark ed è il suo monologo alla telecamera. I momenti in cui si intravede la possibilità di arrendersi ma non si lascia che venga allo scoperto. L’interpretazione di Damon è intensa e discreta, priva di eroismi eccessivi o sentimentalismi.

Nel cast anche Jessica Chastain, di nuovo nello spazio dopo Interstellar, nei panni del capitano dell’equipaggio di cui faceva parte anche Mark.

Sul fronte Nasa abbiamo Jeff Daniels, Sean Bean (che, tra le altre cose, ad un certo punto regalano una piccola perla in termini di citazioni cinematografiche – e non solo) e Chiwetel Ejiofor (12 anni schiavo).

Il ritmo è veloce, prende dal primo momento. La parte scientifica è fluida e descritta quel tanto che basta per far da supporto allo scorrere della narrazione. Forse non accuratissima ma intuitivamente comprensibile e, in ogni caso, sufficientemente plausibile.

Bello anche visivamente, con le sconfinate ed ostili distese rosse di Marte che sono al tempo stesso cornice e amplificatore per la solitudine di Mark, minuscolo essere umano, unico essere vivente su un pianeta, prima ancora che scienziato, astronauta, botanico.

Bello. Consigliatissimo.

Cinematografo & Imdb.

martian1

untitledjjj

The-Martian-8

the-martian

MV5BMTUxODUzMDY0NF5BMl5BanBnXkFtZTgwMDE0MDE5NTE@__V1__SX1377_SY911_

maxresdefault

Matt Damon portrays an astronaut who faces seemingly insurmountable odds as he tries to find a way to subsist on a hostile planet.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: