Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘1999’ Category

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Prendiamo definitivamente atto del fatto che l’universo dell’horror si sta muovendo affinché io colmi le mie lacune.

Ebbene no, non ho mai visto il primo Blair Witch Project del ’99. E se devo proprio essere sincera non mi attirava allora e non mi attira adesso. Forse per l’eccesso di telecamera a mano, forse per tutta la fama che gli si è costruita intorno. Non so, ma credo di non essermi mai del tutto tolta la convinzione di sottofondo di essere di fronte ad una grossa presa per il culo, commercialmente parlando.

La realtà è che probabilmente lo è anche, ma non più di tanta altra roba che c’è in giro e che mi sorbisco senza batter ciglio, e che questo qui, oltretutto, ormai è pure diventato una sorta di must.

Mi par di capire che l’esistenza del sequel Blair Witch 2 – Il libro segreto delle streghe, uscito a caldo nel 2000, viene qui del tutto ignorata e che trattasi di un ritorno diretto dal primo capitolo.

Nelle sale da questa settimana.

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Dovrei parlare di Cloud Atlas (libro) e di Barbablù, della mia cara Amélie, ma non sono per niente concentrata. Ho in loop Uninteded dei Muse da un po’ e mi chiedo come sia possibile dimenticarsi di quanto sia meravigliosa. Forse a volte si dà per scontato di ricordare troppe cose. E poi rifletto che Showbiz (1999) è un album terribilmente buono ed è un album di esordio e, davvero, dovrei ascoltarlo più spesso. E le mie due date Muse sono sempre più vicine ed è inevitabile che finisca a sproloquiare sul tema. E poi Unintended è in setlist. Se si azzardano a toglierla protesterò e finirò trascinata via urlante dalla security, per la gioia dei miei accompagnatori.

1showbiz

Poi. Visto che si è cominciato con la musica, che musica sia.

Ho finalmente ascoltato bene (=più volte di seguito ad un volume potenzialmente molesto se non fosse per il mio pavimento insonorizzato) Black Traffic e riconfermo quella che è stata la prima impressione. Non è un brutto album, quello no, ma è forse fin troppo orecchiabile per essere Skunk Anansie. E anche per quel che riguarda il significato, la presunta vena polemica di opposizione politica la trovo un po’ appiccicata con lo sputo, ma pazienza. Va detto che non sono una fan degli SA così assidua e quindi magari non sono ferratissima per dare una valutazione completa.

Resta il fatto che ci sarà Skin alle Gru (=centro commerciale tamarro nei pressi di To, per chi non fosse pratico) e già questo è sufficientemente surreale per motivare l’acquisto di album e biglietti. E sarà vicinissima, perché l’area concerti di quel posto è minuscola. In parole povere, avrei comprato l’album e sarei andata a sentirli anche se avessero tirato fuori il peggio della loro carriera. Mi scoccia solo dovermi sorbire i Blastema come opener, che mi fanno discretamente cagare.

Black-Traffic-recensione-album-degli-Skunk-Anansie-copertina-canzoni-tracklist

Anyway.

Ne parlo o non ne parlo? Ne parlo o non ne parlo? Ne parlo.

Love Lust Faith + Dreams. L’ultimo dei 30 Seconds To Mars.

Ecco, in realtà non è che ci sia poi molto da dire. Non conosco granché bene neanche loro e sono arrivata a comprare quest’album per via di curiose vicissitudini che evito di infliggervi.

In ogni caso, la parola chiave è tamarro. Con diverse gradazioni, sfumature e declinazioni, ma sempre quello è. E risparmio pure la fatica alla voce fuori campo e faccio che dirlo subito da me: con quel titolo che cosa mi aspettavo?

C’è però il brano di apertura, Birth, che per quei due minuti di durata mi ha fatto quasi sperare che ci fosse qualcosa oltre alla tamarria. Non dico che vale l’album ma quasi. Poi mi sono ricordata che esiste Up in the Air e niente, non rimane molto altro da dire. Al quarto brano con i coretti da stadio stavo ringhiando come la bambina dell’Esorcista. E poi Jared urla davvero troppo. Probabilmente soffre perché il suo ego tenta di ucciderlo.

Thirty-Secons-to-Mars-Love-Lust-Faith-+-Dreams-cover

No, la verità è che aspiravo a diventare una delle groupies deficienti che lo spogliano quando lui si butta sulla folla sfuggendo alla security.

Ok, ore 2.37, fine delle cazzate.

Ritorno ad Unintended che mi mette in pace col mondo.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: