Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘A. Taylor’ Category

thor-the-dark-world-primo-spot-tv-esteso-nuova-locandina-e-due-character-poster-italiani

Dilemma serale: come riuscire a scrivere una recensione di Thor2 senza farla diventare un’ode a Loki. Teorie e metodi di applicazione.

Vediamo chi indovina qual è il mio personaggio preferito.

Vabbè, cazzate a parte, secondo capitolo – del primo non ho mai parlato ma mi sa che a questo punto non potrò esimermi dal propinarlo – della saga del supereroe peggio vestito della storia della Marvel, forse secondo solo a Captain America in fatto di pessimo gusto nell’abbigliarsi.

La realtà è che quel mantellino rosso alla Superman unito all’armatura plasticosa stile Narnia, è stato una delle cause principali per cui ho snobbato Thor per un sacco di tempo.

Che invece non è affatto male, anzi, per quel che mi riguarda, la saga del forzuto martelloforo se la gioca tranquillamente con quella di Iron Man.

La parola chiave è ironia. Che è vero che ormai è un elemento ampiamente sfruttato in tutto il filone, visti i buoni risultati che porta il far vedere che sì, si è fighi e potenti ma non ci si prende mica troppo sul serio, però nel caso specifico ne viene fatto un utilizzo ampiamente azzeccato.

Thor – The Dark World ha una buona trama, è visivamente sempre più spettacolare – soprattutto per la struttura di Asgard – ed è davvero parecchio divertente.

Si riparte dalla situazione lasciata dal primo, con Thor e Jane separati presumibilmente per sempre, Loki smascherato e imprigionato, Asgard che vive un periodo di pace e prosperità e, ovviamente, un nuovo cattivo, Malekith, che ha in programma di far sprofondare tutto quanto nell’oscurità – che comunque è sempre un classico.

Congiunzione astrale favorevole – davvero, non è uno scherzo – e una serie di altri elementi fanno sì che i passaggi tra i mondi siano di nuovo aperti e bene o male percorribili avanti e indietro, dando la possibilità a Jane e Thor di rincontrarsi e soprattutto al cattivo di fare danni in più di un universo.

Se Chris Hemsworth nei panni di Thor è forse fin troppo adatto alla parte (=grosso, biondo e imbalsamato), Natalie Portman nel ruolo di Jane è fantastica. E’ spassosissimo il suo personaggio e particolarmente ben riuscita la sua interpretazione. Come già nel primo, funzionano benissimo le dinamiche paradossali sulle quali si articola il rapporto tra gli scienziati terreni e gli ospiti asgardiani; si ride, e anche tanto, senza che questo danneggi in alcun modo la buona struttura della storia. Stellan Skarsgård, in particolare, nella veste dello scienziato stralunato, mi ha fatto morire.

Anthony Hopkins sempre in versione Odino e poi Tom Hiddleston in quello che è uno dei semi-antagonisti più riusciti della storia delle trasposizioni da fumetto a grande schermo. E’ un insieme di cose a renderlo così ben riuscito. Un attore particolarmente adatto di sicuro, e un personaggio per sua natura ambiguo, sfuggente, difficile da inquadrare davvero e ricchissimo di sfumature. Un personaggio che non sai mai veramente da che parte sta ma comunque ti sta simpatico. In un modo o nell’altro si finisce tutti a fare il tifo per Loki.

La parte centrale degli scambi Thor-Loki vale da sola tutto il film, fosse anche solo per la presa un giro di Captain America e per il riferimento agli Avengers.

Effetti speciali come se piovesse, 3D, che però ormai passa quasi inosservato. Carina l’idea dei passaggi spaziali che si spostano, anche se nel pieno dell’azione l’hanno forse incasinata un tantino a discapito della plausibilità – che è un po’ quello che hanno fatto anche in Iron Man 3 con il discorso delle armature indipendenti e dei pezzi che si assemblano in volo – ma pazienza, non è pecca sufficiente a distrarre.

Cinematografo & Imdb.

imagesCAWUVYAG

1382344217857_thor-the-dark-world-film--0

Thor-Dark-World-ss40

???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: