Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Mud’ Category

poster-mud

Presentato in concorso a Cannes nel 2012, peraltro non senza un discreto successo, e poi dimenticato dalla distribuzione finché – è lecito supporre – McConaughey non ha vinto l’oscar per i Dallas Buyers. Per la serie, i tristi meccanismi che possono condannare un film all’oblio.

E se, da un lato, un po’ di sana diffidenza verso le uscite proposte sulla scia di un successo può anche essere legittima, d’altro canto va detto che ogni riserva viene messa da parte dopo i primi cinque minuti.

Perché sì, Mud è davvero un gran bel film. E se c’è qualche recriminazione da fare, è solo perché avrebbe dovuto arrivare subito nelle sale e non come traino.

E’ vero che Mud è arrivato nello stesso anno di Magic Mike e ad appena un anno di distanza da Killer Joe, vale a dire quando la fama di Matthew era costruita più sui pettorali che sulle effettive doti recitative. Però continuo a non vederlo come un motivo effettivamente valido per snobbarlo. Anzi. Personalmente apprezzo molto gli attori che si cimentano in ruoli totalmente diversi quando non diametralmente opposti. Mi garba chi saltella da un genere all’altro, riuscendo bene in qualunque parte, da quella tamarra a quella drammatica, passando magari per qualche sfumatura intermedia.

Mud è un film garbato, a tratti divertente, toccante senza essere mai sentimentale.

Le atmosfere sono quelle pigre e sospese del Mississippi. I barconi utilizzati – abusivamente – come abitazioni. I tragitti avanti e indietro lungo il fiume.

Due ragazzini, Ellis e Neckbone, si imbattono in una barca rimasta incagliata su un albero, probabilmente a seguito di un’alluvione, su un isolotto lungo il fiume. Ne fanno la meta delle loro esplorazioni ma si rendono subito conto che la barca è abitata. Si imbattono così in Mud, strano, solitario individuo che chiede loro aiuto e racconta loro la storia della donna che ama. Mud è in fuga, si sta nascondendo e non può lasciare l’isola.

Tra l’uomo e i ragazzini si instaura un legame di sincera amicizia e Ellis e Neckbone si trovano così sempre più coinvolti nella storia di Mud, che va pian piano assumendo contorni più precisi.

I toni sono sempre delicati e in certi momenti richiamano alla mente Stand by Me (forse complice anche il fatto che Jacob Lofland – Neckbone – ricorda parecchio River Phoenix). Sia Lofland che Tye Sheridan (Ellis) sono davvero bravissimi. In particolare quest’ultimo si può dire che se la giochi alla pari con McConaughey in un ruolo di coprotagonista di tutto rispetto. L’interpretazione di McConaughey è equilibrata e credibile. Si crea subito empatia con il personaggio senza esagerazioni o scene eccessivamente emotive.

Nel cast anche Sam Shepard, Sarah Paulson e Reese Whiterspoon nel ruolo di Juniper, a dream you don’t want to wake up from, come la definisce Mud.

I legami sono al centro di tutto. E l’insostenibile difficoltà dei rapporti interpersonali unita alla loro insostituibilità. Uomini e donne, padri e figli, amici.

La regia è di Jeff Nichols che ha il grande merito di affrontare tutto ciò tenendosi ben distante da sentimentalismi e luoghi comuni.

Davvero da vedere.

Cinematografo & Imdb.

JustSeenItMovies-MudMovieReviewJustSeenIt959-994

mud2

Film Review Mud

mud-2012-movie-screenshot

mud

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: