Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Placebo’ Category

In arrivo il 23, cioè domani.

Quattro candidature, diretto e interpretato da Denzel Washington. Mi aspetto un buon livello anche se la parola chiave non pare essere ‘originalità’.

Detto ciò, se questa settimana riesco a vedere questo e Jackie, posso sentirmi abbastanza a posto con la coscienza perché ho visto quasi tutto quello che era in mio potere prima di domenica, con buona pace del mio esaurimento per la mancanza di una trasmissione in chiaro.

Annunci

Read Full Post »

Il tour dei 20 anni.

La ventesima data del tour dei vent’anni.

Più di due ore di concerto, una setlist come non se ne vedevano da anni.

Brani riesumati nonostante reticenze storiche.

Tributo a Leonard Cohen in apertura.

Tributo a Bowie su Without You I’m Nothing e il mio cuore sprofondato da qualche parte da cui non è ancora risalito.

Brian in forma come non lo si vedeva da tempo. Non tanto fisicamente quanto emotivamente. Quasi in pace con le sue parole, con la sua musica. Felice e forse anche un po’ incredulo di essere veramente lì.

Potenti come (forse) si era temuto non potessero più essere, in alcuni momenti hanno davvero riavvolto il tempo e questi vent’anni erano tutti lì, tutti presenti nello stesso momento, nello stesso turbine di note e grida e sudore e parole urlate in una notte troppo fredda contro una luna troppo grande.

Ad oggi, il loro miglior concerto cui abbia assistito.

20161115_203658

20161115_205540

20161115_210353

20161115_212540

20161115_212548

20161115_212635

20161115_212636

20161115_212639

20161115_214637

20161115_2146380

20161115_220923

20161115_220926

20161115_2219051

20161115_221905

20161115_221906

20161115_221908

20161115_231156

20161115_2315580

20161115_231559

SETLIST

Every You Every Me (Casino video on the screen)
Pure Morning
Loud Like Love
Jesus’ Son
Soulmates
Special Needs
Lazarus
Too Many Friends
Twenty Years
I Know
Devil in the Details
Space Monkey
Exit Wounds
Protect Me from What I Want
Without You I’m Nothing
36 Degrees (slow version)
Lady of the Flowers
For What It’s Worth
Slave to the Wage
Special K
Song to Say Goodbye
The Bitter End

Encore:

Teenage Angst (slow version)
Nancy Boy
Infra-red

Encore 2:

Running Up That Hill (A Deal with God)

 

 

Read Full Post »

tumblr_nvpf7ouI0k1rk5sioo1_540

E niente. Causa l’arrivo di questa bella creatura gialla io sono di nuovo in fissa per quest’album.

Usciva il 12 ottobre 1998, quindi siamo anche in zona anniversario.

 

Read Full Post »

No, alla fine non ha piovuto.

Penso sia stato uno dei loro concerti più belli, tra quelli che ho visto.

IMGP9983

IMGP9982

IMGP9986

IMGP0020

IMGP0026

IMGP0028

IMGP0030

IMGP0032

IMGP0035

IMGP0041

IMGP0043

IMGP0048

IMGP0049

IMGP0050

Setlist:

B3 
For What It’s Worth
Loud Like Love
Every You Every Me 
Scene of the Crime 
A Million Little Pieces 
Black-Eyed
Twenty Years 
Too Many Friends 
Special Needs 
One of a Kind 
Space Monkey 
Exit Wounds 
Meds 
Song to Say Goodbye 
Special K
The Bitter End 

Encore:

Teenage Angst 
Running Up That Hill (A Deal with God) 
(Kate Bush cover)
Post Blue
Infra-red 

Read Full Post »

E niente. Prossima settimana, il 20 per l’esattezza, concerto Placebo all’Arena di Verona.

Era inevitabile che cominciassi a manifestare i sintomi.

Read Full Post »

Non lo so.

Castellitto in genere mi piace. Lo stesso dicasi della Mazzantini.

Jasmine Trinca è molto brava e Scamarcio, se ben diretto, ha già dato prova di essere un bravo attore.

Ma.

Onestamente il trailer mi sa più di Muccino che di Castellitto e, a monte, il libro Nessuno si salva da solo, secondo me non era tra i più adatti ad essere messo sullo schermo. Oltre a non essere tra i miei preferiti di Margaret, ma questo è un altro discorso ancora.

In realtà, per essere ancora più precisi, teoricamente  l’idea di base avrebbe potuto anche prestarsi al film, data l’impostazione quasi teatrale. Due protagonisti. Due ex coniugi. Uno scontro tra presente e passato. Dialoghi serrati a far venir fuori il non detto, sepolto sotto anni di incomprensione e incomunicabilità.

Però ricordo che lo avevo trovato un libro un po’ forzato. Ben scritto come sempre ma eccessivamente crudele, eccessivamente autocompiaciuto del proprio crogiolarsi nelle quotidiane miserie di una coppia sfasciata.

Insomma. Già il libro tendeva un po’ troppo ad insistere sullo squallore di quei casi umani stile Ultimo bacio e si salvava (lui sì) sostanzialmente per la buona scrittura dell’autrice. Sugli esiti del film sono decisamente poco ottimista.

Non so se andrò a vederlo al cinema.

 

Read Full Post »

Ok, sì, sembra una variazione sul tema Hunger Games e giù di lì.
Però mi ispira, anche se il rischio che sia una fregatura effettivamente esiste.

Dovrebbe uscire l’8 ottobre.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: