Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘B. Runge’ Category

Joe e Joan Castleman. Una coppia perfetta. Una di quelle coppie d’altri tempi, affiatate da una vita.

Lui, affermato scrittore in lista per il premio Nobel. Lei, moglie devota e madre amorevole.

E poi il Nobel arriva davvero.

E quello che dovrebbe essere il coronamento del lavoro di una vita diventa la classica goccia che fa traboccare il vaso della sopportazione di Joan.

Joan che è tutto quello che il copione della sua vita prevede che sia.

Joan che è il perfetto staff di supporto per Joe, con le pillole pronte, le parole di sostegno e l’attenzione che non gli rimangano briciole sulla barba.

Joan che si ricorda i nomi dei personaggi dei libri di Joe anche meglio di lui.

Joan che tollera le scappatelle di Joe.

Si potrebbe dire che tutti i matrimoni sono una forma di compromesso, più o meno bilanciato per le parti a seconda dei casi. Ma per Joan lo squilibrio della situazione è diventato insostenibile e si trova di colpo a dover fare i conti con ciò che ha accettato e sopportato da sola per una vita intera.

Un contratto a senso unico. Una spirale discendente cui non è stata in grado di sottrarsi.

Regia di Björn Runge per un film ben calibrato ma amarissimo su quanto i rapporti possano diventare delle vere e proprie trappole.

La storia di un inganno lungo una vita intera.

E, se da un lato si può trovare la pecca di una certa forzatura in alcuni aspetti della vicenda, il tutto viene compensato dalla fenomenale interpretazione di una Glenn Close di cui si sentiva la mancanza in un ruolo così complesso, sottile e tormentato.

Golden Globe come miglior attrice in un film drammatico e nomination come miglior attrice protagonista agli Oscar.

Lui è Jonathan Pryce, come sempre ottimo, e abbiamo anche Christian Slater nel ruolo di un giornalista che, complice anche la montatura degli occhiali, sembrava Daniel Molloy (quello di Intervista col Vampiro) 20 anni (24 per l’esattezza) dopo. Particina anche per Max Irons nei panni del figlio della coppia e con la voce – un po’ sprecata in verità – di Christian Iansante.

Cinematografo & Imdb.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: