Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2017

Allora. Prima di tutto i vincitori.

Miglior film

  • Moonlight, prodotto da Adele Romanski, Dede Gardner e Jeremy Kleiner
  • Arrival, prodotto da Shawn Levy, Dan Levine, Aaron Ryder e David Linde
  • Barriere (Fences), prodotto da Scott Rudin, Denzel Washington e Todd Black
  • La battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge), prodotto da Bill Mechanic e David Permut
  • Il diritto di contare (Hidden Figures), prodotto da Donna Gigliotti, Peter Chernin, Jenno Topping, Pharrell Williams e Theodore Melfi
  • Hell or High Water, prodotto da Carla Hacken e Julie Yorn
  • La La Land, prodotto da Fred Berger, Jordan Horowitz e Marc Platt
  • Lion – La strada verso casa (Lion) , prodotto da Emile Sherman, Iain Canning e Angie Fielder
  • Manchester by the Sea, prodotto da Matt Damon, Kimberly Steward, Chris Moore, Lauren Beck e Kevin J. Walsh

Miglior regia

  • Damien ChazelleLa La Land
  • Barry Jenkins – Moonlight
  • Kenneth Lonergan – Manchester by the Sea
  • Denis Villeneuve – Arrival
  • Mel Gibson – La battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)

Miglior attore protagonista

  • Casey AffleckManchester by the Sea
  • Andrew Garfield – La battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)
  • Ryan Gosling – La La Land
  • Viggo Mortensen – Captain Fantastic
  • Denzel Washington – Barriere (Fences)

Miglior attrice protagonista

  • Emma StoneLa La Land
  • Isabelle Huppert – Elle
  • Ruth Negga – Loving
  • Natalie Portman – Jackie
  • Meryl Streep – Florence (Florence Foster Jenkins)

Miglior attore non protagonista

  • Mahershala AliMoonlight
  • Jeff Bridges – Hell or High Water
  • Lucas Hedges – Manchester by the Sea
  • Dev Patel – Lion – La strada verso casa (Lion)
  • Michael Shannon – Animali notturni (Nocturnal Animals)

Miglior attrice non protagonista

  • Viola DavisBarriere (Fences)
  • Naomie Harris – Moonlight
  • Nicole Kidman – Lion – La strada verso casa (Lion)
  • Octavia Spencer – Il diritto di contare (Hidden Figures)
  • Michelle Williams – Manchester by the Sea

Migliore sceneggiatura originale

  • Kenneth LonerganManchester by the Sea
  • Damien Chazelle – La La Land
  • Yorgos Lanthimos e Efthymis Filippou – The Lobster
  • Mike Mills – 20th Century Women
  • Taylor Sheridan – Hell or High Water

Migliore sceneggiatura non originale

  • Barry Jenkins e Tarell Alvin McCraneyMoonlight
  • Eric Heisserer – Arrival
  • Luke Davies – Lion – La strada verso casa (Lion)
  • August Wilson – Barriere (Fences)
  • Allison Schroeder e Theodore Melfi – Il diritto di contare (Hidden Figures)

Miglior film straniero

  • Il cliente (Forushandeh), regia di Asghar Farhadi (Iran)
  • Land of Mine – Sotto la sabbia (Under sandet), regia di Martin Zandvliet (Danimarca)
  • En man som heter Ove, regia di Hannes Holm (Svezia)
  • Tanna, regia di Martin Butler e Bentley Dean (Australia)
  • Vi presento Toni Erdmann (Toni Erdmann), regia di Maren Ade (Germania)

Miglior film d’animazione

  • Zootropolis (Zootopia), regia di Rich Moore e Byron Howard
  • Kubo e la spada magica (Kubo and the Two Strings), regia di Travis Knight
  • La mia vita da Zucchina (Ma vie de Courgette), regia di Claude Barras
  • Oceania (Moana), regia di John Musker e Ron Clements
  • La tartaruga rossa (La Tortue Rouge), regia di Michaël Dudok de Wit

Miglior fotografia

  • Linus SandgrenLa La Land
  • Greig Fraser – Lion – La strada verso casa (Lion)
  • James Laxton – Moonlight
  • Rodrigo Prieto – Silence
  • Bradford Young – Arrival

Miglior scenografia

  • Sandy Reynolds-Wasco e David WascoLa La Land
  • Patrice Vermette e Paul Hotte – Arrival
  • Stuart Craig e Anna Pinnock – Animali fantastici e dove trovarli (Fantastic Beasts and Where to Find Them)
  • Jess Gonchor e Nancy Haigh – Ave, Cesare! (Hail, Ceasar!)
  • Guy Hendrix Dyas e Gene Serdena – Passengers

Miglior montaggio

  • John GilbertLa battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)
  • Tom Cross – La La Land
  • Joi McMillon e Nat Sanders – Moonlight
  • Joe Walker – Arrival
  • Jake Roberts – Hell or High Water

Miglior colonna sonora

  • Justin HurwitzLa La Land
  • Mica Levi – Jackie
  • Dustin O’Halloran e Hauschka – Lion – La strada verso casa (Lion)
  • Nicholas Britell – Moonlight
  • Thomas Newman – Passengers

Miglior canzone

  • City of Stars (Justin Hurwitz, Benj Pasek, Justin Paul) – La La Land
  • Audition (The Fools Who Dream) (Justin Hurwitz, Benj Pasek e Justin Paul) – La La Land
  • Can’t Stop the Feeling! (Justin Timberlake, Max Martin e Karl Johan Schuster) – Trolls
  • The Empty Chair (J. Ralph e Sting) – Jim: The James Foley Story
  • How Far I’ll Go (Lin-Manuel Miranda) – Oceania (Moana)

Migliori effetti speciali

  • Robert Legato, Adam Valdez, Andrew R. Jones, Dan LemmonIl libro della giungla (The Jungle Book)
  • Craig Hammack, Jason Snell, Jason Billington, Burt Dalton – Deepwater – Inferno sull’oceano (Deepwater Horizon)
  • Stephane Ceretti, Richard Bluff, Vincent Cirelli, Paul Corbould – Doctor Strange
  • Steve Emerson, Oliver Jones, Brian McLean, Brad Schiff – Kubo e la spada magica (Kubo and the Two Strings)
  • John Knoll, Mohen Leo, Hal Hickel, Neil Corbould – Rogue One: A Star Wars Story

Miglior sonoro

  • Kevin O’Connell, Andy Wright, Robert Mackenzie e Peter GraceLa battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)
  • Andy Nelson, Ai-Ling Lee e Steve A. Morrow – La La Land
  • David Parker, Christopher Scarabosio e Stuart Wilson – Rogue One: A Star Wars Story
  • Bernard Gariépy Strobl e Claude La Haye – Arrival
  • Greg P. Russel[5], Gary Summers, Jeffrey J. Haboush e Mac Ruth – 13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi

Miglior montaggio sonoro

  • Sylvain BellemareArrival
  • Wylie Stateman, Renée Tondelli – Deepwater – Inferno sull’oceano (Deepwater Horizon)
  • Robert Mackenzie, Andy Wright – La battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)
  • Ai-Ling Lee, Mildred Iatrou Morgan – La La Land
  • Alan Robert Murray, Bub Asman – Sully

Migliori costumi

  • Colleen AtwoodAnimali fantastici e dove trovarli (Fantastic Beasts and Where to Find Them)
  • Joanna Johnston – Allied – Un’ombra nascosta (Allied)
  • Consolata Boyle – Florence (Florence Foster Jenkins)
  • Madeline Funtaine – Jackie
  • Mary Zophres – La La Land

Miglior trucco e acconciatura

  • Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher NelsonSuicide Squad
  • Eva Von Bahr e Love Larson – En man som heter Ove
  • Joel Harlow e Richard Alonzo – Star Trek Beyond

Miglior documentario

  • O.J.: Made in America, regia di Ezra Edelman
  • Fuocoammare, regia di Gianfranco Rosi
  • I Am Not Your Negro, regia di Raoul Peck
  • Life, Animated, regia di Roger Ross Williams
  • XIII emendamento (13th), regia di Ava DuVernay

Miglior cortometraggio documentario

  • The White Helmets, regia di Orlando von Einsiedel e Joanna Natasegara
  • 4.1 Miles, regia di Daphne Matziaraki
  • Extremis, regia di Dan Krauss
  • Joe’s Violin, regia di Kahane Cooperman
  • Watani: My Homeland, regia di Marcel Mettelsiefen

Miglior cortometraggio

  • Sing, regia di Kristóf Deák e Anna Udvardy
  • Ennemis intérieurs, regia di Sélim Azzazi
  • La femme et la TGV, regia di Timo von Gunten
  • Silent Nights, regia di Aske Bang
  • Timecode, regia di Juanjo Giménez Peña

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Piper, regia di Alan Barillaro
  • Blind Vaysha, regia di Theodore Ushev
  • Borrowed Time, regia di Andrew Coats e Lou Hamou-Lhadj
  • Pear and Cider Cigarettes, regia di Robert Valley
  • Pearl, regia di Patrick Osborne

Poi.

Le prime due considerazioni che mi sono passate per la mente una volta riemersa dal baratro di imbarazzo per la faccenda del film sbagliato (robe che manco sulla rai) son state: a) non mi aspettavo un tale successo di Moonlight e b) l’Oscar ad Emma Stone proprio non ci stava.

L’osservazione su Moonlight non è una critica, sia chiaro. E’ un ottimo film. Solo che da un lato l’ho trovato meno coinvolgente di altri e dall’altro non riesco a levarmi del tutto il dubbio di una vittoria fatta su misura perché l’Academy dimostrasse a tutti in modo chiaro e inequivocabile il suo non essere razzista e non dimenticarsi delle minoranze.

Ad ogni modo, se la vittoria di Mahershala Ali è sicuramente giustificata, rimango perplessa sia sulla sceneggiatura non originale (soprattutto dopo aver visto Barriere), sia sul miglior film, proprio per il problema del coinvolgimento emotivo di cui sopra.

La vittoria di Emma Stone invece mi fa proprio cadere le braccia. Tifavo Portman anche prima di aver visto Jackie – di cui parlerò meglio domani – ma non c’è paragone. Avrei tifato anche Isabelle Huppert sulla fiducia, prima di Emma Stone. E non che non mi piaccia Emma. E’ brava e bella. Solo, quella di LaLaLand non era una parte da Oscar.

Molto molto contenta per Manchester by the Sea. Più passa il tempo e più mi rendo conto che ho amato tantissimo quel film.

Molto soddisfatta anche per Viola Davis – meritatissimo! – e per il montaggio a Hacksaw Ridge – anche questo super meritato.

La vittoria del Cliente per film straniero era praticamente d’obbligo, mentre per gli effetti speciali avrei premiato più volentieri Doctor Strange, anche se è pur vero che Il libro della giungla non l’ho visto.

Tornando a LalaLand, miglior regia a Damien Chazelle mi fa comunque piacere, mentre fotografia e scenografia mi danno l’idea di esser stati assegnati un po’ per far numero, perché la delusione non fosse eccessiva dopo le aspettative create da 14 nominations.

In definitiva, nonostante fino a qualche mese fa avessi la percezione di un panorama di uscite più povero rispetto ad altri anni, devo dire che anche questa è stata una buona edizione degli Oscar.

In ultimo, vorrei mandare tutta la mia solidarietà al povero tizio o tizia che ha fatto casino con le buste e che, se mai sperava di avvicinarsi a Hollywood passando dalle mansioni di segreteria, si vedrà probabilmente aprire davanti agli occhi una folgorante carriera come cameriere/a – che in America è sinonimo di non-sono-riuscito-a-fare-quello-che-volevo.

0baa303d5cbe9e4939938f2dfdd0480bacfa6545815d8a857d192b37b1840f50-683x1024

0c835204c24a9cbf725fa08b329dfd2a26032f804f60429f816e3315fb520941-1024x683

27oscar-red-carpet3

360d481e693106324b0e607c6a27707b

480x270-q100_a15d1220a1d5447c430b39c4f1ffe122

2017-02-27t011342z_1481393192_hp1ed2r03et38_rtrmadp_3_awards-oscars_mgzoom

andrew-garfield-32f06656-62f8-4bda-a2dc-beedf11323f0

casey-affleck-oscars-2017-red-carpet-beard-06

charlize-theron-7ce53c19-9d5c-4f02-ad6c-9aab3703fb62

de7e30a4f3a711bd6b0beefe500e6a8ac30fdedbdfe338234f4d779a91c0d7fd-683x1024

f2d33f4dd553deae53eed9d2e3bc95d15d8deb5de7a09eec9a4c637140672087-697x1024

gettyimages-645617126

gettyimages-645630944

gettyimages-645640460

janelle-monae-220b807bd2ec5503

oscar-2017-moonlight-miglior-film-ecco-tutti-vincitori-v7-285975-1280x720

oscars-red-carpet-1944-brie-larson-superjumbo

oscars-red-carpet-2087-pauletta-pearson-and-denzel-washington-superjumbo-v2

viggo-mortensen-oscars-2017-04

untitled

Annunci

Read Full Post »

Notte degli Oscar, dunque.

Per ingannare l’attesa volevo parlare di Jackie o di Barriere ma la realtà è che sono troppo distratta dal red carpet e quindi ripiego sul trailer.

In Italia arriva l’8 marzo, con il pessimo titolo Il diritto di contare.

Tre candidature, miglior film, miglior attrice non protagonista Octavia Spencer, miglior sceneggiatura non originale.

Read Full Post »

Read Full Post »

Delirante o interessante? Direi cinquanta e cinquanta come probabilità.

Regia e sceneggiatura di Jeremy Gillespie e Steven Kostanski, entrambi più noti per il trucco in film come Suicide Squad (entrambi), Crimson Peak, Clown (Steven), Pacific Rim (Jeremy), e un sacco di altri titoli piuttosto famosi.

Nel mondo anglosassone dovrebbe arrivare a marzo. Da noi, non è dato sapere (e neanche troppo sperare).

Read Full Post »

In arrivo il 23, cioè domani.

Quattro candidature, diretto e interpretato da Denzel Washington. Mi aspetto un buon livello anche se la parola chiave non pare essere ‘originalità’.

Detto ciò, se questa settimana riesco a vedere questo e Jackie, posso sentirmi abbastanza a posto con la coscienza perché ho visto quasi tutto quello che era in mio potere prima di domenica, con buona pace del mio esaurimento per la mancanza di una trasmissione in chiaro.

Read Full Post »

moonlight-tre-storie-di-una-vita

Tratto dalla pièce teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin McCraneyv, per la regia di Barry Jenkins, Moonlight è un ritratto in tre atti.

Infanzia, adolescenza ed età adulta di Chiron, un ragazzo dalla pelle scura e dallo sguardo schivo, nella periferia violenta e ostile di Miami, tra spaccio di droga e razzismi di vario genere.

Chiron dapprima è Piccolo, Little, un bambino chiuso ai limiti del patologico, preso di mira dai compagni perché strambo, mite di carattere, un po’ impaurito dai coetanei in cui non si riconosce e da una madre assente e problematica.

Poi Chiron è Chiron, un adolescente solitario, dal carattere riservato, incapace di gestire un’emotività dirompente, un legame sempre più forte verso il suo migliore amico Kevin, una sessualità che il contesto in cui si trova difficilmente potrà mai lasciare impunita.

E infine Chiron è Black, ormai un uomo, che sembra aver cancellato le sue paure ma ancora strenuamente impegnato nella lotta con i suoi fantasmi.

Sullo sfondo si muovono le figure della madre, grande assenza che incombe su Chiron in ogni fase della sua vita, Kevin, amico e nemico, e Juan, uno spacciatore che, insieme alla sua compagna Teresa, ricopre per il Piccolo Chiron il ruolo di un padre surrogato. Figura guida e, in un certo senso, ancora di salvezza per il bambino abbandonato a se stesso.

Moonlight è un film delicato, complesso, intelligente e, in definitiva, molto molto bello.

Sottile, preciso e impietoso nel suo portare alla luce le incoerenze paradossali di un contesto sociale articolato e di difficile rappresentazione. Lucido nell’illustrare, senza pontificare e senza assumere i toni banali del social-justice, il meccanismo per cui, in definitiva, c’è sempre qualcuno da discriminare. E vivere la discriminazione sulla propria pelle, non insegna niente a nessuno. C’è sempre qualcuno più debole. Qualcuno più diverso su cui sfogare frustrazioni e complessi di inferiorità.

E c’è il quadro di una vita che scorre senza essere mai realmente afferrata. Una vita che si sfiora, si intuisce. Una serie di decisioni obbligate e la difficoltà monumentale, a volte insormontabile, di trovare il coraggio di fare una scelta in mezzo a questo percorso accidentato disseminato di trappole.

Otto candidature agli Oscar, già vincitore del Globe come miglior film drammatico, Moonlight porta anche, più che meritatamente, Mahershala Ali e Naomie Harris come miglior attore e attrice non protagonisti.

Candidato anche per fotografia, colonna sonora, sceneggiatura non originale e montaggio – dove le prime due sono forse un filo eccessive.

Unico neo, se proprio voglio essere totalmente onesta, è che, per quanto tecnicamente impeccabile, a volte Moonlight risulta un po’ poco coinvolgente sul piano immediatamente emotivo. Probabilmente questa è una percezione totalmente personale ma è come se in molte parti, Chiron chiudesse fuori anche lo spettatore.

Ottima anche la scelta dei tre attori che interpretano i tre Chiron, con un notevole lavoro sull’espressività e sulla postura, tali da far sembrare davvero i tre diverse declinazioni del medesimo individuo.

Molto consigliato anche questo.

Cinematografo & Imdb.

moonlight2_0

moonlight-naomi

untitled

moonlight-1-1-620x318

This image released by A24 Films shows Alex Hibbert, left, and Mahershala Ali in a scene from the film, "Moonlight." The film is a poetic coming-of-age tale told across three chapters about a young gay black kid growing up in a poor, drug-ridden neighborhood of Miami. (David Bornfriend/A24 via AP)

Read Full Post »

53414

Lee Chandler vive in uno squallido buco a Boston. Lavora come custode tuttofare e si occupa, sottopagato, di diversi condomini. E’ solitario, taciturno, scontroso e un po’ attaccabrighe.

La morte improvvisa di suo fratello Joe lo costringe a mollare tutto e a ripartire d’urgenza per la sua cittadina d’origine, Manchester by the Sea, appunto, nel Massachusset, dove Lee ha un nipote, Patrick, di cui si trova nominato tutore legale, e un passato ingombrante dal quale è già sfuggito una volta ma che sembra rimasto fermo negli anni, in attesa del suo ritorno per assestargli il colpo finale.

Lee si ritrova buttato indietro nel tempo, travolto da un misto di ricordi e di quotidianità, oppresso dalle incombenze pratiche della morte, con la documentazione da sbrigare e il funerale da organizzare, impacciato nell’entrare nella vita di suo nipote, con il quale deve trovare un equilibrio di convivenza.

Il film alterna il presente, con l’interazione da (ri)costruire con Patrick, a flash back sempre più dettagliati che restituiscono il quadro della vita di Lee con la moglie prima della separazione. Prima che lui se ne andasse. Prima di tutto quello che lo ha portato ad andarsene.

Nonostante la drammaticità di quasi tutti gli eventi narrati, Manchester by the Sea è un film a suo modo leggero e, forse anche per questo, estremamente toccante.

Si sorride, si ride, si piange e ci si lascia prendere dalla malinconia stanca dell’ottimo Casey Affleck (Lee), in un ruolo che di sicuro ha ragione di esser stato candidato.

Affleck non è tra i miei attori preferiti ma qui è innegabile che sia bravo a gestire la complessità di un personaggio che si svela gradualmente. Ho idea che il pessimo doppiaggio italiano sia dovuto al tentativo di riprodurre l’accento del personaggio di Lee ma dovrei rivederlo in originale per rendermi conto dell’effettivo lavoro di Affleck su voce e accento – che si intuisce benché non sia molto apprezzabile.

Un film delicato, equilibrato, diretto. Un film onesto, anche.

Nomination anche per Lucas Hedges, miglior attore non protagonista per il ruolo di Patrick, che dà vita ad un personaggio realistico e ironico, ottima spalla di Affleck nella costruzione di una dinamica relazionale umanissima, divertente e coinvolgente.

Candidata anche Michelle Williams nel ruolo dell’ex moglie di Lee, con poco più di due scene significative nel copione che però, davvero, bastano a farla schizzare rapidamente in cima alla classifica – della quale, pure, mi mancano un paio di titoli.

E poi regia, film, sceneggiatura.

Bellissima anche la fotografia – quasi tutto il film è stato girato a Gloucester, quello della Tempesta perfetta.

Molto molto consigliato.

Cinematografo & Imdb.

mv5botg1mdq3mjc0nl5bml5banbnxkftztgwmzgzote4ote__v1_ux477_cr00477268_al_

manchester-by-the-sea

coverlg_home

857436_060

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: