Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Pantera’ Category

 

9788807030734_quarta_jpg_448x698_q100_upscale

Presentato giovedì 8 al Salone del Libro qui a Torino. Sala Rossa gremita e un Benni cortese e disponibile che dopo si è fermato a firmare le copie e a fare qualche scatto con i lettori.

Pantera è poco più che un racconto lungo. Una storia urbana dai toni fiabeschi, avvolta nel fumo denso dell’Accademia dei Tre Principi, una sala da biliardo dai tratti ambigui e dai contorni sfumati, popolata da personaggi eccentrici e malinconici. Personaggi in cerca del loro destino. O forse in fuga da esso. O magari in attesa di una rivincita. Personaggi soli. A tratti comici, a tratti struggenti. Un mondo di uomini, nel quale fa irruzione una Dea.

Dopo un’esitazione iniziale tutti quelli che la vedono si innamorano di lei e lei diventa la Dea.

Non si sa da dove venga, non si sa chi sia realmente. Pantera arriva dal nulla e, di colpo, l’universo dell’Accademia comincia a ruotare intorno a lei.

Bellissima, misteriosa e, soprattutto, imbattibile al tavolo da biliardo.

Un susseguirsi di sfide e un inarrestabile avvicinarsi dell’incontro decisivo, che prima o poi tocca a tutti, che non si può evitare per sempre.

A dare vita a Pantera e ai vari personaggi dell’Accademia ci sono anche le illustrazioni di Luca Ralli, un gigantesco omone toscano che finisce nella punta di una penna, come l’ha definito Benni, raccontando la loro collaborazione.

Lui ha fatto dei disegni molto diversi da quello che io avevo immaginato e questo mi è piaciuto […].

Io sono già innamorato di Pantera, la vorrei molto bella, così, perché è una Dea e perché la vera Pantera, che non era così brava e che comunque io ho conosciuto quaranta-quarantacinque anni fa, era bellissima quindi sono intervenuto solo per i due personaggi principali che sono la Pantera e il suo ultimo nemico che è l’inglese Jones.

Il libro contiene anche un secondo racconto, Aixi, apparentemente slegato ma a suo modo unito al primo. Una breve storia marina, dalla dimensione onirica delle cose intraviste sott’acqua.

[Le parti in corsivo sono citazioni dalla presentazione di Benni].

20140508_181635

20140508_182101

Benni

20140509_093244

 

Annunci

Read Full Post »

Riemergo.

Giusto in tempo per devolvere gli ultimi soldi residui al Salone.

20140509_093032

Ok, lo so, sono ricascata su Anne Rice dopo averla evitata per anni in seguito al deragliamento delle Vampire Chronicles in direzioni di dubbia pertinenza vampiresca e dopo la sua svolta pseudo-mistica e pseudo-cattolica che ha tragicamente influenzato la sua creatività. Come attenuante posso dire che sono reduce, tra le altre cose, da un giro a New Orleans (con ovvia tappa di fronte all’ex dimora Rice) e da una profonda immersione nei luoghi di Louis e Lestat, il che mi ha lasciato addosso una grande nostalgia dal momento che, come probabilmente avrò già esternato più volte, ho vissuto una consistente parte della mia adolescenza in quella precisa parte di universo letterario.

Non mi sono azzardata a riavventurarmi proprio nelle Cronache e, non avendo nessuna voglia di imbarcarmi nella Trilogia dei Sensi, ho ripiegato su questo Angel del quale, in effetti, so ben poco. In realtà, da una prima occhiata ho già beccato alcune cose che mi hanno fatto storcere il naso e non escludo di uscirne delusa e brontolante ma tant’è, ai raptus non c’è rimedio.

Il libriccino piccolo e bianco del quale non si legge quasi il titolo invece è l’ultimo di Benni, Pantera, e il caso ha voluto che, pur senza aver avuto il tempo di consultare il calendario degli ospiti, sia capitata al Salone giusto in tempo per la sua presentazione. Tempo di finire il libro e mi dilungherò anche sull’evento.

Ultima cosa. Ma da quand’è che Vassalli pubblica con Rizzoli? Boh, poi magari sono io che come al solito mi son persa qualcosa ma sono rimasta piuttosto perplessa.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: