Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘T. Pynchon’ Category

49833

Ritiro ogni dubbio e mi rimangio ogni perplessità.

Pynchon non poteva aspirare ad un regista migliore per portare su schermo un suo libro.

Non avrei detto che mi sarebbe piaciuto così tanto, eppure, più ci penso e più Vizio di forma non finisce di esaltarmi.

Forse, sotto sotto, mi ero già rassegnata a trovarmi davanti ad un caotico fallimento.

Perché Pynchon è un genio, certo, è un pilastro della letteratura americana contemporanea, è un mostro di perfezione stilistica e ha una precisione di analisi di un contesto che è ai limiti dell’umano.

Però è anche dannatamente difficile. Non è una critica, eh, sia ben chiaro. Tutt’al più un mea culpa perché mi rendo conto che probabilmente sono in grado di ammirarlo più di quanto non sappia capirlo. E di certo non so parlarne come meriterebbe.

Pynchon, per certi versi, è un po’ come Wallace. Come il Wallace di Verso Occidente l’impero dirige il suo corso. Resti lì, a bocca aperta e sai, dentro di te sai, che sei di fronte a qualcosa di grande. Ma sai anche che qualcosa ti sta sfuggendo. Cerchi la chiave. Cerchi la soluzione. Perché è lì, chiara, davanti ai tuoi occhi. Ma c’è qualcosa che rimane sempre fuori portata. Forse è proprio quella grandezza.

E poi arriva Paul Thomas Anderson. 44 anni e 7 film alle spalle, tra cui quella cosa meravigliosa che è Magnolia.

E riesce a dare vita a un film che è l’incarnazione perfetta dello spirito di Pynchon.

Fine anni Sessanta, California. Doc Sportello è uno sgangherato investigatore privato un po’ hippy e un po’ tossico. Dal nulla ricompare la sua ex, Shasta Fey, che chiede il suo aiuto gli racconta di un complotto in atto ai danni del suo amante, un celebre immobiliarista stramiliardario, e nel quale gli organizzatori, la moglie del miliardario e il suo amante, vorrebbero coinvolgere anche lei, che però si dice veramente innamorata di quest’uomo.

Sportello fa appena in tempo a cominciare le indagini quando si ritrova tramortito e accusato dell’omicidio di una guardia del corpo, manco a dirlo, proprio del ricco immobiliarista.

Ad arrestarlo è il Tenente Detective Christian F. “Bigfoot” Bjornsen, che con Sportello pare avere diversi conti in sospeso, esercita le sue funzioni di pubblico ufficiale all’insegna della violazione dei diritti civili, ostenta machismo ma probabilmente è gay ed è coinvolto in affari molto più loschi di quanto potrebbe sembrare.

Questi sono due degli infiniti spunti che trovano il loro sviluppo nell’insieme del vastissimo intreccio del film.

Una corsa frenetica e coloratissima (l’ambientazione anni Sessanta-Settanta è esteticamente impeccabile e bellissima) attraverso storie che si accavallano e si susseguono apparentemente in modo scollegato e disarmonico ma che in realtà sono tutti elementi di un unico enorme e ampissimo quadro.

Non c’è una vera trama nel senso tradizionale del termine. Ci sono tante trame e tutte sono ugualmente importanti. L’inizio e la fine non sono necessariamente correlati perché il centro si sposta di continuo.

Sportello è un investigatore ma l’oggetto della sua indagine cambia continuamente a seconda degli elementi che emergono.

Ogni singola storia, che pure sembra inizialmente marginale, può diventare il fulcro della vicenda.

Ogni singolo dettaglio è importante e ha un suo ruolo.

Sportello insegue sempre qualcosa ma non è mai la stessa cosa.

Non c’è un filone principale. Il protagonista principale è il quadro complessivo che risulta alla fine, costituito dall’insieme di tutte queste trame e sottotrame intrecciate.

Vizio di forma è un film che chiede moltissimo allo spettatore, così come i libri di Pynchon sono ultra esigenti nei confronti del lettore.

Non bisogna aspettarsi qualcosa. Bisogna mettere completamente da parte gli automatismi di aspettativa in termini di sviluppo di trama e lasciarsi trasportare dal turbine frenetico che si snoda davanti agli occhi. Bisogna lasciarsi andare e seguire la corrente senza fare domande a metà del percorso. Solo alla fine si capisce il perché.

Frastornati, spiazzati, sopraffatti ma affascinati ed elettrizzati dalla corsa.

Joaquin Phoenix torna con Anderson – con il quale aveva lavorato in The Master nel 2012 – e regala un’interpretazione notevole, con la sua espressione stralunata e incredula, la sua calma surreale e semicomica, il suo sembrare sempre esser capitato lì per caso.

Insieme a lui un fenomenale Josh Brolin, nel ruolo del tenente, Owen Wilson, Benicio Del Toro, Reese Witherspoon.

Un affresco in chiave psichedelica di un preciso momento della storia americana. Un istante di transizione e una fotografia ironica e impietosa di un mondo che non ha la più vaga idea di dove andare. Un dubbio e un’incertezza colossali, un brancolare nel buio così goffo da apparire comico nel suo essere, sostanzialmente, sconclusionato e intrinsecamente armonico.

Cinematografo & Imdb.

BG_Inherent%20Vice%20trailer%20ita

1424945794_r3-1280x628

36727_ppl

Vizio-di-forma

39914_ppl

Read Full Post »

Siamo a metà scarsa di gennaio e io sono già in ritardo con tutto. Non quel ritardo da cominciare a dare i numeri ma comunque in ritardo. Dovrei parlare dei Golden Globes. Dovrei rivedere Phenomena perché mi sono fissata che devo assolutamente parlarne. Dovrei leggere tipo il doppio di quello che sto leggendo e andare di più al cinema – perché sembra che sia sempre in un cinema ma intanto Boyhood sono riuscita a perdermelo. E la cosa mi fa incazzare. Dovrei parlare di un sacco di libri e film arretrati e magari dormire anche un numero di ore tale da fare in modo di non addormentarmi sulla scrivania in ufficio (anche se quello mi sa che è dovuto più alla noia che alla mancanza di sonno). Dovrei smetterla di cazzeggiare e cercare di cominciare a scrivere prima dell’una di notte. Dovrei sapere che quando comincio a divagare così è perché c’è qualcosa di cui non so bene come parlare, probabilmente perché mi ha ferita. O almeno colpita di striscio. Dovrei evitare di cascare nelle liste di propositi e buone intenzioni. E dovrei anche imparare a finire shampoo e balsamo contemporaneamente. Anche se questo credo sarebbe una sfida alle leggi della fisica.

Vizio di forma. Tratto da Thomas Pynchon.

L’idea di mettere su schermo un libro di Pynchon è qualcosa che mi fa venire l’ansia a prescindere e mi suscita una reazione del tipo oddio-in-cosa-sono-andati-a-cacciarsi.

Tengo a freno le mie inquietudini perché il cast promette bene e ho molta (enorme e sconfinata) fiducia (adorazione) in (per) Paul Thomas Anderson.

In arrivo il 26 febbraio.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: