Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘R. McAdams’ Category

51070

Mi aspettavo molto ma Doctor Strange scala decisamente la classifica dei film Marvel per piazzarsi in prossimità della vetta.

Bellissimo. Sotto tutti i punti di vista.

Il personaggio di Strange, creato nel ’63 da Steve Ditko, fornisce sicuramente un materiale di partenza ricchissimo di spunti e la regia di Scott Derrickson (Sinister 1 e 2, Liberaci dal male, Devil’s Knot) non spreca l’opportunità, portando sullo schermo uno Strange coerente con lo spirito del fumetto e al tempo stesso ben inserito nello spirito Marvel cinematografico dell’ultimo decennio.

Benedict Cumberbatch non è tra i miei attori preferiti ma è indubbiamente un buon attore e qui riesce a dare vita ad uno Strange misuratamente equilibrato tra tormento e ambizione, mai realmente eroico e sempre, comunque profondamente umano.

Dal punto di vista visivo poi, è qualcosa di fenomenale.

Il principio base degli effetti è quello di una specie di Inception all’ennesima potenza e senza il vincolo di logica che limitava la realtà onirica di Nolan.

L’opportunità di giocare con le dimensioni e di manipolare spazio e tempo a partire da un presupposto di possibilità pressoché infinite apre scenari di bellezza e complessità tali da togliere il fiato.

Meravigliosa Tilda Swinton nel ruolo dell’Antico e ottima anche la scelta di Mads Mikkelsen per il cattivo di turno, mentre a Chiwetel Ejiofor spetta un ruolo, almeno per il momento, più marginale.

Non è male neanche Rachel MacAdams nei panni di Christine Palmer, il che non è poco, considerato che normalmente la malsopporto.

Gli elementi per l’inserimento nel quadro complessivo dell’universo Marvel vengono diligentemente forniti e il finale è aperto sia a episodi successivi ***inserire manifestazioni di giubilo a piacere*** sia a collegamenti trasversali con altri filoni.

Due bonus nei titoli di coda, uno dei quali decisamente spassoso.

Assolutamente da vedere.

Cinematografo & Imdb.

Marvel's DOCTOR STRANGE..Doctor Stephen Strange (Benedict Cumberbatch)..Photo Credit: Film Frame ..©2016 Marvel. All Rights Reserved.

doctor-strange-movie-image

doctor-strange-teaser-trailer-tilda-swinton-as-the-ancient-one

landscape-1469463742-doctor-strange-kaecilius2

thumbnail_24689

doctor-strange-banner

Read Full Post »

Il-Caso-Spotlight-Poster-min

Sei nomination: miglior film, regia, attore e attrice non protagonista, sceneggiatura originale e montaggio.

Regia di Tom McCarthy, basato su eventi reali.

Spotlight è il nome di un team di giornalisti del Boston Globe, specificatamente dedito al giornalismo d’inchiesta.

Nel 2001, partendo dall’indagine su alcuni abusi sessuali commessi da preti su minori arrivò a far luce su una rete di crimini sensibilmente più ampia e, quel che è peggio, sulla connivenza delle alte sfere della chiesa nel coprire tali crimini.

Il caso è cronaca, l’esito è noto e la vicenda ricostruibile se si cercano anche solo notizie in rete, tuttavia McCarthy mette in piedi un film coinvolgente, dalla costruzione quasi simile a un giallo, nella quale, ogni nuovo tassello va a completare l’insieme di un quadro agghiacciante.

Il caso capita in redazione quasi incidentalmente. Al Boston Globe c’è un nuovo direttore (Liev Schreiber) ed è lui a fornire lo spunto per un’indagine su un caso di pedofilia che vede coinvolto un prete ma anche – non si sa bene quanto indirettamente – un cardinale.

Quello che dapprima sembra un episodio isolato di insabbiamento di prove si rivela ben presto essere la classica punta dell’iceberg. Un iceberg nascosto di abusi perpetrati e coperti per decine di anni, ma, soprattutto di vittime ormai ben oltre qualsiasi possibilità di recupero o di perdono. Di avvocati corrotti e di una chiesa in cui il marcio si è infiltrato ad ogni livello.

Spotlight – parentesi, Il caso Spotlight, anche se sembra una versione innocua del titolo, è l’ennesima storpiatura fuori luogo, dal momento che non esiste, di fatto un caso con questo nome, essendo Spotlight il nome del gruppo di giornalisti, chiusa parentesi.

Dicevo, Spotlight è un gran buon film. Ho delle riserve su alcune della candidature ma non perché ne abbia sulla qualità del film in sé.

Ad un buon ritmo veloce e incalzante si unisce una ricostruzione della vicenda estremamente pacata, dettagliata e precisa.

Non abbiamo i giornalisti-eroi cui ci ha fin troppo facilmente abituato il cinema americano, né abbiamo i toni enfatici e trionfalistici della vittoria del bene e del giusto contro il male.

Qui abbiamo dei giornalisti molto realistici e un’attenzione completamente centrata sulla costruzione dell’inchiesta.

E’ l’inchiesta, la vera protagonista. Con le sue testimonianze messe insieme a fatica, le conversazioni a casa delle persone coinvolte e nei bar, i quintali di materiali d’archivio da cercare e consultare.

A supportare tutto ciò, un ottimo cast, con Mark Ruffalo e Rachel McAdams nei panni di due dei giornalisti e Michael Keaton nel ruolo del redattore capo di Spotlight.

Le mie uniche riserve, dicevo prima, sono esclusivamente legate ai criteri di assegnazione delle nomination.

Spotlight è un buon film, questo è appurato. Resta il fatto che, per questa edizione degli Oscar, rappresenta il film della coscienza. Il film che deve esserci e che deve essere premiato.

E se le candidature per film, regia e sceneggiatura originale ci stanno effettivamente tutte, trovo un tantino eccessive quelle per i due attori non protagonisti. Ok, è vero che io non amo particolarmente né Ruffalo né la McAdams (anzi, lei di solito proprio non mi va giù), ed è vero, per contro, che qui, soprattutto Ruffalo, interpretano le loro parti in modo più che egregio. Però non ho trovato nessuna di queste due interpretazioni particolarmente sopra le righe. Non abbastanza per una nomination, ecco.

Avrei piuttosto rinominato di nuovo Michael Keaton (anche se sarebbe stata quasi sicuramente una nomination a vuoto come quella di Redmayne). La sua interpretazione è eccezionale ed è quella che ho trovato più empaticamente coinvolgente.

Ruolo minore anche per Stanley Tucci.

Cinematografo & Imdb.

Screen%20Shot%202015-11-21%20at%202_32_04%20PM

Spotlight_film_2015

Spotlight

MD_Stanley-Tucci-Spotlight-movie-1450464707_618550062_ppl

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: